Progetto di rete Amsteg – Mettlen

Swissgrid e le FFS spostano e raggruppano le linee ad altissima tensione nel fondovalle del Canton Uri. In tal modo si garantisce uno sgravio del centro abitato di Attinghausen e dell'area di sviluppo di Werkmatt Uri.

Il vostro contatto per questo progetto

Alessandro Cameroni
Alessandro Cameroni

Telefono +41 58 580 21 11
info@swissgrid.ch

Linea a 380 kV
Linea a 380 kV
Smantellamento
Smantellamento
Linea esistente
Linea esistente
Sottostazione
Sottostazione

Panoramica

Ad eccezione dell’area tra Mettlen e Küssnacht am Rigi, tra la sottostazione di Mettlen nel Cantone Lucerna e Amsteg nel Cantone Uri scorrono parallelamente due linee da 380 kV. Sono la linea a 380 kV Amsteg – Mettlen (ex linea Alpiq), che da Amsteg prosegue fino a Lavorgo passando per il passo del Lucomagno, e la linea a 380 kV Mettlen – Plattischachen (ex linea CKW), che da Plattischachen arriva ad Airolo come ex linea Alpiq, passando per il passo del San Gottardo.

A causa dell'avanzata corrosione dei tralicci, che risalgono al 1940 circa, la precedente proprietaria della linea, Alpiq, ha presentato una richiesta di approvazione dei piani per il risanamento totale della linea a 380 kV Amsteg – Mettlen. Questo progetto è stato approvato in sezioni parziali e in parte è già stato realizzato. L'ex proprietaria della linea CKW non ha avviato alcun progetto di risanamento per la linea a 380 kV Plattischachen – Mettlen, che risale agli anni attorno al 1960. Quindi per questa linea non esiste alcun progetto.


Progetto

Storia

A causa della scarsità delle materie prime, i tralicci della linea a 380 kV, che da Mettlen arriva a Lavorgo passando per il Lucomagno, sono stati realizzati negli anni del dopoguerra con i tubi dell'ex condotta di rifornimento degli alleati. Per migliorarne la capacità portante questi tubi furono cementati. Subito dopo la costruzione è stato dimostrato che questo tipo di costruzione tende a corrodersi dall'interno. Alla fine degli anni '90, Alpiq ha quindi optato per la sostituzione dei singoli tralicci sul tracciato esistente, che erano particolarmente indeboliti dalla corrosione. A fine 2001, Alpiq ha cambiato strategia e ha presentato la richiesta di approvazione dei piani per il risanamento totale della sezione parziale Ingenbohl – Mettlen della linea a 380 kV Amsteg – Mettlen. Nel frattempo gran parte della linea è stata risanata. Tre sezioni – Küssnacht am Rigi (SZ), Lauerz (SZ) ed Eyschachen (UR) – sono ancora in sospeso nella procedura di approvazione dei piani.

Il 3 gennaio 2013, Swissgrid è entrata in possesso dell'intera rete di trasporto a 380/220 kV della Svizzera. I precedenti proprietari, tra cui Alpiq, hanno ceduto a Swissgrid tutte le linee e le sottostazioni esistenti, compresi i progetti avviati del livello di rete 1. Da allora, le linee Amsteg – Mettlen e Mettlen – Plattischachen sono quindi di proprietà di Swissgrid. Ora la pianificazione, la costruzione e la manutenzione di tutte le linee e sottostazioni vengono svolte da un unico operatore.

Sezione Küssnacht am Rigi

Nel 2011, il tribunale federale ha disposto che per la linea a 380 kV Amsteg – Mettlen venisse condotto uno studio di fattibilità per il cablaggio parziale sul territorio comunale di Küssnacht am Rigi. Swissgrid ha presentato lo studio di cablaggio richiesto all'Ufficio federale dell'energia e reputa il cablaggio parziale, così come richiesto dal tribunale federale, non accettabile sia a causa dell'effetto ottico sia per via dell'economicità.

Sezione Lauerz

Nel 2011, il tribunale amministrativo federale ha disposto che per la linea a 380 kV Amsteg – Mettlen venisse condotto uno studio di fattibilità per il cablaggio parziale sul territorio comunale di Lauerz. Dopo l'avvenuto trasferimento della proprietà, Swissgrid ha assunto questo incarico e ha fatto realizzare lo studio di cablaggio.

A seguito delle frane nel 2013 nell'area di Windegg – Ober Rüti si sono dovuti realizzare dei tralicci d'emergenza per entrambe le linee a 380 kV. Si è dovuto inoltre rivedere lo studio di fattibilità «Cablaggio parziale Lauerz» già realizzato, tenendo presenti i risultati dei chiarimenti geologici eseguiti da GEOTEST per conto del Cantone Svitto. Nello studio sono stati inoltre inclusi i requisiti dell'ESTI sulla «Sicurezza sismica della distribuzione di energia elettrica in Svizzera», presenti nel progetto sottoposto a consultazione.

Dopo aver verificato queste nuove condizioni marginali, Swissgrid è giunta alla conclusione che il terreno di fondazione nell'area della frana non è adatto né per una linea aerea né per una linea di cavi e quindi la variante «Perforazione Urniberg» presa in esame non è fattibile. La linea non può più correre lungo il tracciato attuale, ma deve essere spostata.

Swissgrid valuta come irrealizzabile il tracciato alternativo della linea lungo il lago, anche questo illustrato nello studio di cablaggio, a causa degli effetti sulle altre infrastrutture (strade, linee di servizio, ecc.). La realizzazione di questo tracciato della linea avrebbe come conseguenza considerevoli intralci alla strada cantonale da Lauerz a Svitto, fino alla totale chiusura della stessa.

In questa sezione, la linea a 380 kV del San Gottardo corre in parallelo al monte ed è minacciata dallo stesso pericolo della frana, e ora deve quindi essere integrata nel progetto esistente.

Sezione Eyschachen presso Altdorf

Le linee da 380 / 220 kV e la linea da 132 kV delle FFS, nella sezione compresa tra il traliccio Swissgrid 9429 / traliccio FFS 60 nella zona SABA (impianto di trattamento delle acque di scarico stradali) di Attinghausen e il traliccio Swissgrid 9440a / traliccio FFS 81 nella zona di Giessenkanal, verranno raggruppate per una lunghezza totale di circa 4,7 km su un nuovo tracciato e condotte parallelamente all'autostrada e al fiume Reuss.

Tappe principali della sezione Eyschachen

Inizio 2014 La richiesta di approvazione dei piani è stata trasferita dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI) all'Ufficio federale dell'energia (UFE)
Novembre 2015 L'UFE ha concesso il permesso di costruzione
Febbraio – giugno 2017 Gare d'appalto
21 agosto 2017 Primo colpo di piccone
Primavera 2018 Entrata in servizio delle nuove linee

Downloads


News di rete

  • | Comunicato stampa

    Inizio dei lavori presso il «Gäbihübel»

    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: inizio dei lavori

    I lavori preparatori per la costruzione della linea aerea ad altissima tensione Chamoson – Chippis, iniziati nello scorso mese di gennaio, sono ormai giunti al termine per le due prime tratte tra Chalais e Sierre e tra Sion e Vex.
    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: studio geologico supplementare

    Nel 2015 il geologo cantonale vallesano ha richiesto un ulteriore studio sui «pericoli naturali» per il progetto della linea ad altissima tensione Chamoson - Chippis.
    Leggere l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.