Finanziamento dei costi supplementari (FCS)

L'articolo 7 della Legge sull'energia (LEne), nella versione del 26 giugno 1998, obbliga le aziende di approvvigionamento elettrico (AAE) ad acquistare la corrente prodotta dai gestori di impianti indipendenti. Le AAE devono quindi assumersi i costi supplementari, derivanti dalla differenza fra la rimunerazione garantita (mediamente di 15/16 centesimi per chilowattora) e il prezzo di acquisto sul mercato.

Il finanziamento dei costi supplementari è in vigore dall'1.1.2005.

Informazioni sul FCS

  1. Per gli impianti aventi diritto al FCS sussiste dal gennaio 2009 l'obbligo di far registrare le garanzie di origine. Il principio è: «Senza garanzie di origine non vi è diritto alla rimunerazione dei costi supplementari».
  2. Il risarcimento dei costi supplementari è direttamente collegato alle garanzie di origine registrate per le quantità di energia prodotta.
  3. In linea di massima, il gestore di impianti indipendente ha diritto alle garanzie di origine. Fanno eccezione i gestori di impianto che hanno ceduto i loro diritti di plus-valore ecologico a un'azienda incaricata dell'approvvigionamento pubblico di energia. In questo caso, è l'azienda incaricata dell'approvvigionamento pubblico di energia ad aver diritto alle garanzie di origine. Questo diritto deve essere attestato nei confronti di Swissgrid sulla scorta del modulo «Ordine permanente GO».
  4. Le aziende incaricate dell'approvvigionamento pubblico di energia possono rivendicare trimestralmente i propri costi supplementari tramite il sistema delle garanzie di origine.
  5. Gli impianti che sono entrati in funzione dopo il 1. gennaio 2006, oppure che sono stati soggetti a importanti interventi di rinnovamento e di ampliamento, non possono più aderire al sistema di finanziamento dei costi supplementari. Essi possono tuttavia essere notificati per la rimunerazione per l'immissione di energia a copertura dei costi (RIC) o per la rimunerazione unica (RU). Altre informazioni su RIC e RU sono disponibili nell’apposita nota.
  6. Le spese per il finanziamento dei costi supplementari sono coperte, come previsto dalla Legge sull'energia (art. 15b cpv. 1 lett. a) tramite supplementi sui costi di trasporto delle reti ad alta tensione.

Funzionamento del finanziamento dei costi supplementari

(produttori con e senza misurazione della curva di carico)

Continuerà il finanziamento dei costi supplementari?

Le condizioni di allacciamento previste dall'articolo 7 della Legge sull'energia, nella versione del 26 giugno 1998, continueranno a essere in vigore solo per i contratti esistenti tra gestori di rete e gestori di impianti indipendenti per l'acquisto di elettricità da impianti che sfruttano le energie rinnovabili. Non si potranno quindi inserire nuovi impianti nel FCS.

Esse valgono:

  • per le centrali idroelettriche fino al 31 dicembre 2035
  • per tutti gli altri impianti fino al 31 dicembre 2025
Condividere
Facebook
Twitter