Rimunerazione per l'immissione di energia a copertura dei costi

Per informazioni dettagliate sulle singole fasi, cliccare in alto sulle rispettive tematiche.

Informazioni di base sui meccanismi di funzionamento della RIC sono riportate in «Facts RIC».

Con il referendum popolare del 21 maggio 2017 l'elettorato svizzero ha approvato il primo pacchetto di misure della strategia energetica 2050 e pertanto anche la Legge sull'energia (LEne) del 30 settembre 2016. La nuova legge sull'energia entrerà in vigore il 1° gennaio 2018. Al momento non è ancora possibile fare affermazioni concrete su quali saranno le ripercussioni sui programmi di incentivi.

Il vostro progetto: cosa dovete fare oggi?

Per il momento non dovete ancora fare nulla. Sarà nostra cura fornirvi informazioni di prima mano sui cambiamenti. Dal momento che le ordinanze connesse con la legge sono ancora alla fase di bozza, allo stato attuale non è possibile fare affermazioni concrete in relazione al vostro progetto. Il Consiglio federale promulgherà queste ordinanze presumibilmente nel novembre del 2017, prendendo una decisione in merito alla definitiva configurazione della legge. In seguito vi forniremo ulteriori dettagli e informazioni sulla successiva procedura.

Conseguenze già note:

Incentivo di nuovi impianti

Con la rimunerazione per l'immissione saranno incentivati solamente i nuovi impianti e non più quelli ampliati o rinnovati in misura considerevole. Per l'inserimento nel nuovo sistema di rimunerazione per l'immissione (sistema successivo a quello della rimunerazione per l'immissione di energia a copertura dei costi RIC) si procederà ora a verificare se un impianto possa essere considerato un nuovo impianto.

Esclusione di determinati impianti dalla RIC

A partire dal 2018 gli impianti idroelettrici con una potenza inferiore a 1 megawatt saranno in linea di principio esclusi dal sistema di rimunerazione per l'immissione. Saranno però ancora ammessi gli impianti connessi con sistemi di acqua potabile o acqua di scarico. Nell'ambito dell'ordinanza il Consiglio federale potrà prevedere altre eccezioni.

A partire dal 2018 si potrà presentare, per ampliamenti o rinnovi considerevoli degli impianti idroelettrici esistenti, una richiesta di contributo d'investimento all'Ufficio federale dell'energia (UFE), a condizione che l'impianto presenti una potenza minima di 300 kW.

Dal 1° gennaio 2018 non potranno più essere incentivati con la RIC gli impianti di incenerimento dei rifiuti organici e gli impianti comunali a gas di fogna. A partire dall'entrata in vigore della nuova legge sull'energia, i nuovi impianti potranno comunque richiedere un contributo d'investimento presso l'UFE.

Tutela per impianti già parte della RIC e per progetti con decisione positiva

Le suddette esclusioni dalla RIC non si applicano agli impianti che già ricevono una rimunerazione tramite RIC o per i quali è già stata emessa una decisione positiva.

Non sono invece protetti da queste modifiche i progetti in lista d'attesa.

Disposizioni esecutive dettagliate

Tra il 1° febbraio e il 8 maggio 2017 si è svolta la fase di consultazione per le disposizioni esecutive della Lene. Al momento, l'UFE sta analizzando gli esiti della consultazione. Il Consiglio federale farà entrare in vigore le disposizioni esecutive presumibilmente in data 1° gennaio 2018.

Condividere
Facebook
Twitter

IL VOSTRO CONTATTO

Se ha domande riguardante energie rinnovabili, può contattarci per telefono dalle 09.00 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 16.00 oppure per e-mail.

Telefono 0848 014 014
E-mail

Rapporti e statistiche