Il contesto dei prezzi elevati dell'elettricità

In conversazione: Thomas Weber, Senior Energy Economist di Axpo

Autore: Kaspar Haffner


Nel corso dell'ultimo anno, i prezzi dell'energia elettrica sono aumentati drasticamente, raggiungendo livelli record, soprattutto alla fine del 2021. Alla fine di febbraio, la Commissione federale dell'energia elettrica ElCom ha parlato di un «aumento dei prezzi senza precedenti». Nella seguente intervista con Thomas Weber, Senior Energy Economist di Axpo, esploriamo le ragioni di questo sviluppo e cerchiamo di dare uno sguardo al futuro.

Michael Frank
Thomas Weber

Senior Energy Economist di Axpo

Quali sono state le cause di questo andamento?
Thomas Weber: A partire dall'estate 2021 si sono verificati diversi sviluppi. Il carbone è diventato più costoso man mano che la Cina importava di più a causa della forte ripresa economica post-coronavirus e delle sue stesse restrizioni minerarie. Nel caso del gas, gli impianti di stoccaggio europei erano pieni per circa il 30% nell'aprile 2021, una buona decina di punti percentuali in meno rispetto all'anno precedente, anche se superiore al 2018, per esempio. In estate, gli impianti di stoccaggio sono stati poi riempiti meno del solito, soprattutto quelli di Gazprom. Presumibilmente, però, anche altri attori hanno aspettato a fare il pieno a causa dei prezzi già in aumento, così che l'Europa è arrivata alla stagione autunnale con uno stock di gas relativamente basso quando le tensioni geopolitiche sono aumentate. Parallelamente a tutto questo, le aspettative di una regolamentazione climatica più severa in Europa hanno causato un forte aumento del prezzo della CO2, che ha fatto aumentare ulteriormente il prezzo dell'energia elettrica. Nel 2022, l'elevata volatilità dell'inverno piuttosto mite ha un effetto di attenuazione dei prezzi, mentre la situazione geopolitica li fa aumentare. Nell’ultimo periodo, con l'invasione russa in Ucraina e le robuste sanzioni occidentali è stato predominante il fattore geopolitico.

In che misura questo sviluppo era prevedibile?
A volte, a posteriori, c'è la tendenza a presentare esattamente lo sviluppo che si è verificato come l'unico possibile. La scorsa estate il mercato (del gas) nel suo insieme non aveva sicuramente tenuto conto della situazione attuale. In questo senso, gli sviluppi dell'inverno hanno sorpreso la maggior parte delle persone e io ritengo che l'attuale escalation in Ucraina sia una sorpresa per la stragrande maggioranza. Tra i fattori che determinano il prezzo, l'aumento della regolamentazione climatica era probabilmente il più prevedibile.

«La volatilità dovrebbe rimanere alta.»

Thomas Weber, Axpo

 
Come si sta sviluppando la situazione sui mercati?
Sullo sfondo degli eventi attuali, le previsioni sono attualmente molto difficili. L'eccezione è la volatilità, che dovrebbe rimanere alta. Il tema dominante è la situazione in Ucraina e come sta cambiando il rapporto tra Europa e Russia. La Russia fornisce il 40% del gas consumato nell'UE e consegna in Europa una quantità rilevante di petrolio e carbone. Qui si dovrebbe pensare in termini di scenari: nel futuro rapporto con la Russia sembrano possibili scenari molto diversi.

Quali sono i principali motori dei prezzi sui mercati dell'elettricità?
A breve termine, i prezzi di carbone, gas e CO2. A lungo termine, la velocità di espansione dell'eolico e del fotovoltaico così come lo sviluppo della domanda. Attualmente il mercato è dominato dall'incertezza sui fattori a breve termine.

«I prezzi sul mercato dei futures sono aumentati.»

Thomas Weber, Axpo

 
Dobbiamo ora aspettarci prezzi elevati a lungo termine?
In Germania e in Svizzera, i prezzi sul mercato a termine per le forniture tra il 2025 e il 2030 sono saliti a oltre 80 EUR/MWh. Un anno fa, erano ancora sotto i 50 EUR/MWh. Da oggi, il mercato si aspetta quindi un livello di prezzi permanentemente più alto. Come fattore strutturale, si possono citare qui le aspettative di una regolamentazione più severa per le emissioni di CO2. È interessante notare, tuttavia, che i prezzi più alti a lungo termine non sono un fenomeno paneuropeo. In Spagna e nei mercati del Nord Europa, per esempio, il livello di prezzo a lungo termine dovrebbe essere significativamente più basso, sotto i 40 EUR/MWh. In Spagna, la ragione è l'alta espansione degli impianti solari prevista, nei paesi nordici la buona situazione di approvvigionamento con l'energia idroelettrica, eolica e anche nucleare. Entrambe le regioni hanno limitate capacità di gasdotti verso l'Europa centrale. In questo senso, ma non meno importante, lo sviluppo delle capacità di trasporto della rete inciderà sul fatto se questo allargamento rimanga o se si instaurerà di nuovo una convergenza.


Autore

Kaspar Haffner

Communication Manager

Vi piace questo articolo?

Condividere questo articolo


  • | Blog

    Basket e rete interconnessa dell’Europa continentale

    Leggi il articolo
  • | Blog

    Altissima tensione alla Festa federale di lotta svizzera e di giochi alpestri 2022

    Leggi il articolo
  • | Blog

    «Un accordo tecnico sul transito di energia sarebbe una soluzione temporanea.»

    Leggi il articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.