Emissioni

Campi elettrici e magnetici

Ormai ci è difficile immaginare la nostra quotidianità senza i numerosi strumenti e ausili elettronici. Siamo invece molto meno consapevoli che ovunque sia presente la corrente si formano campi elettrici e magnetici: anche nella produzione, nel trasporto e nella distribuzione di energia elettrica.

Campo elettrico

Appena un apparecchio viene collegato a una presa di corrente esso è sottoposto a tensione. Un campo elettrico si crea anche se l’apparecchio resta spento e non si ha alcun passaggio di corrente. La tensione determina la potenza del campo elettrico ed è misurata in Volt al metro (V/m). Con l'aumentare della distanza dalla sorgente si riduce la potenza del campo elettrico.

Campo magnetico

Quando la corrente scorre, oltre al campo elettrico si crea anche un campo magnetico. La quantità di elettricità trasportata tramite la linea determina la potenza del campo magnetico e viene misurata in microtesla (μT). Più aumenta la distanza dalla linea, più diminuisce la potenza del campo.

Spettro elettromagnetico – Radiazione non ionizzante

Appena un apparecchio viene collegato a una presa di corrente esso è sottoposto a tensione. Un campo elettrico si crea anche se l’apparecchio resta spento e non si ha alcun passaggio di corrente.

Una delle direttive sui valori limite più severe al mondo

Nel 1998 la Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) ha stabilito dei valori limite internazionali. La Svizzera, nell’ordinanza sulla protezione dalla radiazione non ionizzante (ORNI), ha stabilito per i campi elettrici e magnetici dei valori limite molto più severi, tra i più rigorosi al mondo.

Confronto internazionale dei valori limite per i campi elettrici e magnetici

  Campi elettrici Campi magnetici
    Valore limite d'immissione Valore limite
dell'impianto
ICNIRP* 5 kV/m 200 μT -
Svizzera 5 kV/m 100 μT 1 μT
Germania 5 kV/m 100 μT -
Olanda 5 kV/m 100 μT **
*   Commissione internazionale per la protezione delle radiazioni non ionizzanti
** Come base di calcolo, l’Olanda non utilizza il carico massimo come la Svizzera, bensì il carico medio. Gli olandesi hanno un valore limite d’impianto di 0.4 μT.

Valore limite di immissione
Vale ovunque possano essere presenti delle persone. Le linee devono essere dimensionate in modo da far sì che questo valore limite sia sempre rispettato.

Valore limite dell’impianto
Vale in luoghi a utilizzazione sensibile:

  • Luoghi in cui le persone sono esposte per maggior tempo, ad esempio nelle camere da letto e nei soggiorni.
  • Luoghi in cui permangono spesso i bambini, ad esempio nelle aule scolastiche o nei parchi giochi.
  • Aree di terreni non occupati da costruzioni, sui quali sono ammessi tali utilizzi.

I campi magnetici si trovano presso le linee aeree e i cavi interrati

Potenza del campo magnetico

Il campo magnetico è più forte sopra a un cavo interrato che sotto una linea aerea. A terra, dove normalmente si trovano le persone, il campo magnetico di una linea aerea è di pochi microtesla; quello di un cavo interrato ha una potenza che va fino a 100 microtesla.

Estensione spaziale del campo magnetico

In caso di una linea aerea, il valore limite di 1 microtesla è rispettato a circa 60-80 metri di distanza dai conduttori; nel caso di una linea interrata, tale valore è rispettato già a 6-8 metri.

Freileitung
1/2: Estensione spaziale del campo magnetico: In caso di una linea aerea, il valore limite di 1 microtesla è rispettato a circa 60-80 metri di distanza dai conduttori; nel caso di una linea interrata, tale valore è rispettato già a 6-8 metri.
Erdverkablung
2/2: Estensione spaziale del campo magnetico: In caso di una linea aerea, il valore limite di 1 microtesla è rispettato a circa 60-80 metri di distanza dai conduttori; nel caso di una linea interrata, tale valore è rispettato già a 6-8 metri.

Misurazioni e calcoli


Collaborazione con la ricerca

Swissgrid ha istituito una partnership con la FSM, Fondazione di ricerca svizzera per l'elettricità e la comunicazione mobile, una fondazione senza scopo di lucro presso il Politecnico federale di Zurigo. La FSM promuove la ricerca su tematiche tecniche, biologiche, sanitarie e sociali correlate ai campi elettromagnetici delle tecnologie radio ed elettriche. Essa fornisce inoltre consulenza ad autorità, aziende e organizzazioni, organizza convegni e trasmette conoscenze specialistiche alla collettività.

Sito web di FSM


Rumore

Soprattutto in condizioni meteo sfavorevoli, per esempio in caso di pioggia, brina o neve bagnata, si possono verificare scariche elettriche locali presso le linee dell’elettricità. In elettrotecnica questo processo viene definito scarica a corona. Il fenomeno può causare rumori che sono descritti come crepitii o ronzii.

In Svizzera vige un limite delle immissioni pari a 55 decibel nelle zone abitate (45 decibel di notte) che deve essere assolutamente rispettato. L’inquinamento acustico in una strada ad alta percorrenza è superiore a 80 decibel. Dove necessario, Swissgrid utilizza tutte le soluzioni tecniche per arginare l’effetto corona. I rumori causati dall’effetto corona non si verificano nelle linee interrate.

I seguenti filmati mostrano il brusio delle linee ad altissima tensione comparati ai rumori piu conosciuti:


Ambiente

Esame dell'impatto ambientale

L’esame dell’impatto ambientale (EIA) verifica, nell'ambito della procedura d'autorizzazione, se un progetto soddisfa le disposizioni di legge inerenti alla tutela dell'ambiente. La base per la valutazione è il rapporto sull’impatto ambientale (RIA). In qualità di committente, Swissgrid è responsabile dell'allestimento e dell'inoltro della documentazione del RIA. Tuttavia, di norma l’allestimento del RIA è delegato a un ufficio tecnico indipendente, qualificato per eseguire queste valutazioni specialistiche. Il rapporto affronta diversi aspetti, ad esempio il rumore, la radiazione non ionizzante, le acque, il terreno, i siti contaminati, il bosco, i biotopi e la vegetazione, la fauna e gli habitat, il paesaggio e il panorama, i monumenti culturali e i siti archeologici.

Accompagnamento ambientale

L’accompagnamento ambientale in fase di cantiere (AA) cura e controlla il rispetto delle esigenze ambientali nei lavori di costruzione e aiuta il committente a realizzare il progetto a norma di legge e nel rispetto dell’ambiente; vigila sull’osservanza delle leggi, delle ordinanze, delle linee guida e delle direttive in materia di tutela dell'ambiente nonché delle disposizioni contenute nella decisione di approvazione del piano. Inoltre, fornisce consulenza e assistenza alle parti coinvolte, rileva e giudica i problemi ambientali nel cantiere e garantisce la realizzazione del progetto in maniera conforme alla legge.

Downloads

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.