Prese di posizione

Swissgrid intrattiene un dialogo attivo e trasparente con i gruppi d’interesse del mondo politico. Al centro dell’attenzione ci sono tematiche come le sfide nel contesto europeo, la svolta energetica e la sicurezza dell’approvvigionamento, nonché il potenziamento della rete locale. La combinazione della mancanza di un accordo sull’energia elettrica e della forte espansione delle energie rinnovabili con una produzione volatile e un lento potenziamento della rete rappresenta una sfida per la gestione della rete di trasmissione. Soltanto attraverso un dialogo costruttivo con tutti gli attori sociali la svolta energetica può avere successo.

Per questo motivo Swissgrid mantiene uno scambio regolare con i rappresentanti della politica e dell’amministrazione pubblica a livello nazionale, cantonale e comunale.

Il vostro contatto

Andrea Mäder

Head of Public Affairs
info@swissgrid.ch


Documenti programmatici

22.3321 Mozione Jürg Grossen, Partito Verde liberale

Stabilità della rete elettrica a costi contenuti grazie all'integrazione di attori di piccola e media taglia nel mercato dell'energia di regolazione

Documento programmatico Swissgrid


20.4275 Mozione del Gruppo dell’UDC

Garantire la sicurezza dell’approvvigionamento elettrico stipulando accordi inerenti la tecnologia dei sistemi con i Paesi limitrofi

Documento programmatico Swissgrid


Interpellanza del membro del Consiglio nazionale Martina Munz, PSS

Conflitti di interesse mettono a rischio la stabilità della rete in Svizzera?

Documento programmatico Swissgrid


Consultazione sulle basi per la pianificazione della rete elettrica 2030/2040 (scenario di riferimento per la Svizzera)

Documento programmatico Swissgrid


Saremo lieti di fornirvi i documenti di posizione sulle proposte completate, se necessario.

Factsheets


Prese di posizione sui progetti messi in consultazione

Presa di posizione sulla creazione di una riserva idroelettrica

Alla luce dell’attuale situazione geopolitica, della mancanza di un accordo sull’energia elettrica con l’UE e della lentezza delle procedure di autorizzazione per la costruzione di impianti di produzione e di infrastrutture di rete, la riserva idroelettrica è una misura comprensibile, necessaria e attuabile per la sicurezza di approvvigionamento di energia elettrica. Il Consiglio Federale intende trasferire la gestione operativa alla società di rete nazionale. Swissgrid accetta questo ulteriore compito di responsabilità e collaborerà a stretto contatto con le autorità e l’industria nell’interesse della sicurezza dell’approvvigionamento.

A medio e lungo termine, sono necessarie ulteriori misure per contrastare efficacemente la carenza di energia elettrica, che Swissgrid ha sviluppato insieme alle autorità e al settore. Tra queste, l’incremento di capacità produttiva nazionale, procedure accelerate per il necessario ampliamento degli impianti di produzione e delle reti elettriche e un accordo sull’energia elettrica con l’UE.

Nella procedura di consultazione Swissgrid ha fatto le seguenti osservazioni:

  • Il Consiglio Federale prevede di introdurre la riserva idroelettrica mediante un’ordinanza, in modo che sia pronta già dal prossimo inverno. Swissgrid chiede che il legislatore crei al più presto principi integrativi su basi legali.
  • La preparazione, la messa a disposizione e il richiamo della riserva idroelettrica comportano dei costi. Conformemente al progetto d’ordinanza, i costi di riserva e l’eventuale compensazione per il richiamo dei gestori delle centrali elettriche saranno finanziati attraverso le tariffe di Swissgrid, il che ne comporterà un aumento. Swissgrid ritiene necessario ottimizzare le basi legali per l’addebito dei costi.
  • Swissgrid ritiene inoltre necessario ottimizzare le specifiche, gli accordi e i processi per lo sviluppo e la gestione operativa della riserva idroelettrica e ridurre i rischi finanziari.
  • Sono necessari ulteriori accordi contrattuali con i gruppi di bilancio e i gestori delle centrali elettriche, per i quali il tempo a disposizione è poco.

Swissgrid prende atto della fiducia accordatale dal Consiglio Federale e farà tutto il possibile per adempiere a questo impegnativo compito nell’interesse della sicurezza dell’approvvigionamento. Affinché il progetto della riserva di energia idroelettrica abbia successo, è essenziale che tutti gli attori del sistema elettrico svizzero continuino a collaborare in modo costruttivo per portare avanti al meglio questo incarico nel breve termine.


Questioni principali che interessano Swissgrid in merito all'atto mantello

L'atto mantello va nella giusta direzione. Tuttavia, soprattutto in vista delle imminenti riduzioni della capacità d'importazione, le misure presenti nell'atto mantello potrebbero non essere sufficienti. Per riuscire a gestire future situazioni di penuria in caso di emergenza, occorre avviare rapidamente una pianificazione di riserve adeguate. Dal punto di vista di Swissgrid, c'è ancora bisogno modifiche e ulteriori chiarimenti.

Per Swissgrid i temi centrali sono le riserve di energia, lo scambio di dati e le tecnologie di stoccaggio.


Riserva in energia strategica: dal punto di vista di Swissgrid, la riserva in energia presenta notevoli lacune sia nel suo concetto di base che nella sua strutturazione tecnica. Il semplice fatto di prenotare o trasferire l'energia nei mesi invernali non contribuisce ad aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento. Posticipa semplicemente il momento in cui ci sarà una mancanza di energia, ma non ne impedisce necessariamente il verificarsi. Per contrastare in modo efficace un deficit di energia bisognerebbe immettere nel sistema una «maggiore quantità» di energia. La riserva in energia, inoltre, non crea alcuno stimolo ad aumentare la produzione di energia elettrica in Svizzera. Affinché la riserva sia disponibile in caso di imprevisto, oltre all'energia si deve stipulare la potenza in una forma adeguata. Swissgrid richiede quindi che siano fornite sia l'energia che la potenza.


Scambio di dati: la disponibilità, la qualità e la trasparenza dei dati rivestono un'importanza sempre maggiore ai fini della gestione sicura della rete, soprattutto in vista dell'apertura di un mercato e nell'ambito dell'espansione delle nuove energie rinnovabili. Pertanto, Swissgrid accoglie in linea di principio favorevolmente le disposizioni concernenti lo scambio di dati. La formulazione «approvvigionamento regolare di energia elettrica», tuttavia, esprime un concetto giuridico vago. Per creare la necessaria certezza del diritto, ai fini di una maggiore precisione si impone un'integrazione o adeguamento dell'articolo 17bter LAEI. Le aziende che operano nel settore dell'energia elettrica devono comunicarsi reciprocamente tutti i dati e le informazioni necessari all'adempimento dei compiti previsti dalla legge in conformità alla LAEI.


Tecnologie di stoccaggio: Swissgrid sostiene un trattamento paritario delle tecnologie di stoccaggio e quindi l'esenzione di tutte le tecnologie di stoccaggio senza consumatori finali (ossia stoccaggio puro) dalla tassa di utilizzo della rete. Questo è uno dei presupposti sostanziali perché possa svilupparsi un mercato più liquido per le flessibilità. Oltre alle centrali ad accumulazione con pompaggio, anche altre tecnologie di stoccaggio, come le batterie, potrebbero offrire energia di regolazione per la gestione della rete. Ciò consentirebbe l'espansione dell'offerta di energia di regolazione. A sua volta, questo avrebbe un effetto positivo sul livello dei prezzi, sulla disponibilità e quindi sulla sicurezza dell'approvvigionamento, soprattutto in situazioni complesse come in inverno.


Presa di posizione sull'iniziativa parlamentare «Assoggettare le infrastrutture strategiche dell'economia energetica alla lex Koller»

L'iniziativa parlamentare vorrebbe assoggettare le infrastrutture strategiche dell'economia energetica - segnatamente le centrali idroelettriche, le reti di trasporto dell'energia elettrica e le reti del gas, devono essere assoggettate alla legge federale sull'acquisto di fondi da parte di persone all'estero.

In qualità di società nazionale di rete, Swissgrid garantisce costantemente l'esercizio non discriminatorio, affidabile ed economicamente efficiente della rete di trasmissione. Swissgrid condivide quindi la preoccupazione di proteggere la rete elettrica svizzera e la sicurezza dell'approvvigionamento elettrico. Tuttavia, non riteniamo che l'attuale approccio dell'iniziativa parlamentare sia adatto a questo scopo. Swissgrid è del parere che i regolamenti e le strutture di proprietà esistenti tengono già pienamente conto delle preoccupazioni dell'iniziativa parlamentare. Swissgrid rifiuta la revisione proposta.


Altre posizioni


  • | Comunicato stampa

    Presa di posizione sulla LEne: Il quadro giuridico deve tra l’altro favorire l’integrazione delle energie rinnovabili nel sistema generale

    Con la Revisione della legge sull’energia (LEne), il Consiglio federale intende fornire maggiori stimoli all’espansione delle energie rinnovabili nazionali e garantire la sicurezza a lungo termine dell’approvvigionamento elettrico. A tal fine, è necessario che il quadro giuridico contribuisca anche all’integrazione delle energie rinnovabili nell’intero sistema. Sono necessarie misure quali la costante ottimizzazione e accelerazione delle procedure di autorizzazione per i progetti di rete, soluzioni innovative per la gestione del carico, un accordo sull’elettricità con l’UE e un miglioramento dello scambio di dati.

    Per saperne di più

  • | Comunicato stampa

    Presa di posizione sulla LAEI: Swissgrid accoglie con favore la discussione politica sulla sicurezza dell’approvvigionamento

    La discussione sulla sicurezza dell’approvvigionamento della Svizzera, avviata grazie alla revisione della legge sull’approvvigionamento elettrico (LAEI), è necessaria. Swissgrid mette tuttavia in discussione la nuova soluzione proposta della riserva di stoccaggio e individua ancora un notevole fabbisogno di chiarimento in relazione alla strutturazione concreta per quanto riguarda le competenze e le responsabilità dei singoli attori. L’auspicata apertura del mercato si ripercuote positivamente sulla rete di trasmissione.

    Per saperne di più

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.