2019 Manutenzione

Lotta contro gli elementi

La riparazione della linea dell'Albula si è svolta nelle condizioni meteorologiche più proibitive.

Autore: Kaspar Haffner


Il sole picchia forte sul Passo dell'Albula in questa giornata estiva di fine luglio e i quattro nuovi tralicci della linea ad altissima tensione luccicano di riflessi argentati. Difficile immaginare che solo poche settimane fa qui c'erano diversi metri di neve e il termometro indicava -18° C. Ma erano esattamente queste le condizioni nelle quali, a metà aprile, gli operai hanno iniziato i lavori di riparazione sulle linee 380 kV tra Pradella e Sils.

La riparazione si era resa necessaria dopo che nella notte tra il 29 e il 30 ottobre 2018, al culmine del passo, quattro tralicci erano stati abbattuti dal fortissimo vento generato dalla tempesta Vaia. Da allora le linee da 380 kV interessate erano fuori servizio. Sebbene fosse molto importante, Swissgrid aveva rinunciato, per motivi di sicurezza, alla realizzazione di un  collegamento provvisorio.

In primo luogo occorreva garantire un accesso alla cima del passo. L'Ufficio tecnico del Canton Grigioni ha pertanto sgomberato la strada del passo dal lato dell'Engadina. In alcuni punti le macchine spazzaneve hanno dovuto farsi strada tra la neve alta diversi metri.

Rimozione della neve da parte dell‘ufficio tecnico del Canton Grigioni
Rimozione della neve da parte dell‘ufficio tecnico del Canton Grigioni

Eseguire lavori nel territorio alpino in alta quota a primavera pone delle sfide molto particolari in termini di sicurezza. Infatti, oltre alle misure di sicurezza consuete sui cantieri si è dovuto tenere conto anche del tempo avverso e del rischio valanghe. Pertanto, una commissione di prevenzione valanghe redigeva quotidianamente una relazione in cui stabiliva l'accesso dalla strada e su quali tralicci era consentito lavorare.

Vidéo par drone
Volo del drone

A nessuno era consentito accedere al passo senza un ricetrasmettitore per ricerca in caso di valanghe. In caso di emergenza un container avrebbe offerto riparo agli addetti ai lavori per 48 ore. Il problema era costituito non solo dal freddo e dalle abbondanti nevicate, bensì anche dal vento e dai cumuli di neve.

Alla caduta di grandi quantità di neve è seguito, in primavera, lo scioglimento della neve. L'abbondante acqua defluiva con difficoltà. Quando a ciò si aggiungeva la pioggia, sulla strada del passo si formava un lago.

I vecchi zoccoli vengono distrutti prima di costruire i nuovi piloni
1/5: I vecchi zoccoli vengono distrutti prima di costruire i nuovi piloni
Costruzione delle nuove fondazioni
2/5: Costruzione delle nuove fondazioni
Montaggio dei piloni
3/5: Montaggio dei piloni
Montaggio dei piloni
4/5: Montaggio dei piloni
La situazione al termine dei lavori
5/5: La situazione al termine dei lavori

Nonostante tutte le sfide meteorologiche, il progetto è stato concluso nei tempi previsti. A fine luglio la linea sul Passo dell'Albula è stata rimessa in servizio. Anche se le condizioni meteo sono state difficili e i tempi erano estremamente ristretti, il piano di sicurezza di Swissgrid si è dimostrato valido: nessuno si è infortunato durante i lavori.

Fine dei lavori sul Passo dell'Albula
Fine dei lavori sul Passo dell'Albula

Autore

Kaspar Haffner

Communication Manager


Vi piace questo articolo?

Condividere questo articolo


  • | Blog

    Senza interrompere la trasmissione dell'elettricità

    Leggi il articolo
  • | Blog

    Habitat naturale sotto i tralicci della rete ad altissima tensione

    Leggi il articolo
  • Nel cuore dell'Europa
    | Blog

    Sicurezza dell’approvvigionamento: ora servono soluzioni

    Leggi il articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.