Rete

La regola del 70% e la Svizzera

O perché 100 meno 70 non sempre fa 30

Autrice: Stephanie Bos


L'UE sta lavorando senza sosta per completare il mercato interno dell'elettricità. L'attuazione del terzo pacchetto di misure del mercato interno procede. Allo stesso tempo, è stato promulgato il "Clean Energy Package". Questo pacchetto di misure viene attualmente attuato passo dopo passo, il che ha anche delle conseguenze per la Svizzera. Una misura inclusa nel Clean Energy Package è la cosiddetta regola del 70%. Questa regola stabilisce che dal 1° gennaio 2020 gli Stati membri dell'UE devono rendere almeno il 70% della capacità dei loro elementi di rete disponibili per lo scambio commerciale tra gli Stati membri dell'UE. Alcuni Paesi si sono avvalsi dell'esenzione per aumentare gradualmente questa assegnazione delle capacità entro la fine del 2025. Con l'applicazione della regola del 70%, c'è da aspettarsi un aumento degli scambi commerciali all'interno dell'UE.

Esistono diverse interpretazioni sul trattamento degli Stati non UE come la Svizzera. Al momento, tuttavia, si può supporre che senza accordi corrispondenti, i flussi di scambio con gli Stati non appartenenti all'UE non vengano conteggiati in questo 70%. L'aumento degli scambi comporta nuove sfide per la rete svizzera di trasmissione, soprattutto se non si tiene conto del commercio con la Svizzera.


Flussi di energia elettrica pianificati e non pianificati

Nella rete elettrica esistono diversi flussi, suddivisi a grandi linee in flussi di carico pianificati e non pianificati. I flussi pianificati corrispondono alle negoziazioni effettuate. Se, per esempio, la Germania vende elettricità alla Francia e l'elettricità fluisce direttamente attraverso la frontiera dalla Germania alla Francia, allora abbiamo a che fare con l'import-export di un flusso di energia elettrica pianificato. Spesso, però, in questi scambi commerciali solo una parte dell'elettricità fluisce direttamente attraverso il confine in modo fisico. Il resto della corrente si fa strada attraverso altri Paesi e così si creano flussi non pianificati. Se, per esempio, la Germania vende elettricità alla Francia, una parte di questa elettricità scorre inevitabilmente come flusso di transito non pianificato attraverso un altro Paese, come il Belgio. Entrambi i tipi di flusso compaiono nelle negoziazioni transfrontaliere e quindi rientrano nel 70% della regola UE.

Flussi di scambio pianificato (import/export)
1/3: Flussi di scambio pianificato (import/export)
Flussi di transito
2/3: Flussi di transito
Flussi annulare
3/3: Flussi annulare

Un altro flusso di energia elettrica non pianificato è il cosiddetto flusso anulare. Si verifica quando, per esempio, la Germania vende elettricità all'interno del proprio Paese, ma questa elettricità ritorna in Germania attraverso un altro Paese, per esempio dalla Svizzera. L'elettricità prodotta all'interno di un Paese viene quindi consumata nello stesso territorio nazionale, ma nel frattempo utilizza linee straniere. Con l’ampliamento della rete nei Paesi europei, il flusso anulare può essere ridotto al minimo, ma mai completamente impedito. Questo perché l'elettricità cerca sempre il percorso di minor resistenza fisica. Il flusso anulare è quindi un flusso di corrente transfrontaliero di elettricità che esiste fisicamente ma non appare in nessuna negoziazione transfrontaliera. Di conseguenza, i flussi anulari non rientrano nel 70% della regola UE.

Di fatto, quindi, dopo la piena attuazione della regola del 70% nell'UE, secondo un semplice calcolo per l'esportazione in Svizzera non sarà disponibile il 30% della capacità di trasporto della rete, bensì meno. E non è tutto.

Nella rete elettrica esistono diversi flussi, suddivisi a grandi linee in flussi di carico pianificati e non pianificati.


Influenza sulla Svizzera

Swissgrid si aspetta che gli scambi commerciali all'interno dell'UE aumentino in seguito all'implementazione della regola del 70%. Finché la Svizzera non sarà inclusa adeguatamente nei necessari processi di calcolo della capacità di rete, si può prevedere come conseguenza un massiccio aumento dei flussi di elettricità non pianificati attraverso la Svizzera. Come già detto, flussi di transito e anulari. Ciò significa che esiste il rischio di un sovraccarico più frequente degli elementi di rete di Swissgrid. In tal caso, Swissgrid deve intervenire nell’esercizio della rete di trasmissione per mantenerne la stabilità, e ciò richiede vari sforzi e diversi costi.

Inoltre, se i nostri Paesi vicini hanno problemi a rispettare il 70%, c'è il rischio che limitino unilateralmente le capacità di trasporto transfrontaliero per osservare questa regola per il commercio all'interno dell'UE. Di conseguenza, dovranno alleviare temporaneamente le congestioni della loro rete interna a spese delle capacità di esportazione per la Svizzera. In termini concreti, questo potrebbe significare che la Germania e la Francia – e quindi i più importanti esportatori di elettricità verso la Svizzera – dovrebbero ridurre temporaneamente a zero la loro capacità di esportazione verso la Svizzera, precedentemente riservata, per raggiungere il 70%.

Questo ridurrà potenzialmente in modo massiccio le capacità di importazione ed esportazione della Svizzera senza che noi possiamo farci nulla. Ciò può avere un impatto negativo sulla stabilità della rete in generale e sulla sicurezza dell'approvvigionamento della Svizzera nel semestre invernale in particolare, poiché la Svizzera dipende dalle importazioni di elettricità in inverno.

Swissgrid si impegna per raggiungere accordi tecnici con i gestori delle reti di trasmissione dell'UE che possano migliorare la situazione della Svizzera nel contesto della regola del 70%. Swissgrid ha potuto concludere un accordo corrispondente con la regione di capacità "Italy North" nel dicembre 2021. Alla fine di ottobre 2021, i gestori dei sistemi di trasmissione della regione Italy North hanno introdotto la regola del 70%. Swissgrid applica la regola anche in qualità di cosiddetta "technical counterparty". La nuova norma può essere applicata fino all'introduzione del Flow based Market Coupling nella regione di capacità Italy North. Di conseguenza, molto probabilmente gli accordi dovranno essere rinegoziati.

Un accordo intergovernativo tra la Svizzera e l'UE anticiperebbe l'inclusione della Svizzera. Ma con la fine dei negoziati sull'accordo quadro nel maggio 2021, un accordo sul transito di energia elettrica è diventato una prospettiva lontana.

Questo ridurrà potenzialmente in modo massiccio le capacità di importazione ed esportazione della Svizzera senza che noi possiamo farci nulla.


Downloads


Autrice

Stephanie Bos
Stephanie Bos

Communication Manager


  • | Blog

    La carenza di personale qualificato è un problema per la rete elettrica?

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    I contratti tecnici e i loro limiti

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    «Per l’approvvigionamento elettrico del futuro servono rame e intelligenza»

    Leggi l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.