L'evoluzione delle tariffe di Swissgrid

Autrice: Stephanie Bos


In qualità di società di rete nazionale e proprietaria della rete svizzera di trasmissione, Swissgrid è responsabile della propria infrastruttura, dell’esercizio e della sicurezza degli impianti. I costi di questi servizi sono a carico delle consumatrici e dei consumatori di corrente. Per coprire i costi Swissgrid è autorizzata ad applicare varie tariffe: tariffe per l’utilizzazione della rete, una tariffa per le prestazioni di servizio generali relative al sistema e una per le prestazioni di servizio individuali relative al sistema. La struttura delle tariffe è stabilita dalla legge sull’approvvigionamento elettrico e dall’ordinanza sull’approvvigionamento elettrico.

A marzo Swissgrid pubblica le tariffe per l’anno successivo. Negli ultimi dieci anni, a volte sono state più basse, a volte più alte rispetto agli anni precedenti. Andreas Schreiber, Head of Economics & Contracts di Swissgrid, ci spiega in questa intervista quali tariffe hanno subito oscillazioni particolarmente forti, quali invece sono rimaste più costanti e a cosa sono dovute queste evoluzioni.

Andreas Schreiber
Andreas Schreiber

Head of Economics & Contracts di Swissgrid


Swissgrid esiste dall’entrata in vigore della legge sull’approvvigionamento elettrico del 2009. Come sono state gestite le tariffe in passato?

Le tariffe di Swissgrid sono in vigore fin dalla sua fondazione ufficiale. All’epoca, abbiamo definito da zero e in pochissimo tempo il modo in cui calcolare le tariffe. Le componenti delle tariffe e la loro applicazione sono stabilite dall’ordinanza sull’approvvigionamento elettrico e successivamente sono state ulteriormente specificate nel documento del settore Modello di utilizzazione della rete di trasmissione (NNM-Ü). Non c’è stata alcuna fase di avvio o di transizione. Il calcolo doveva essere corretto e affidabile fin dall’inizio.

Questo accadeva 14 anni fa. I requisiti formali per il calcolo delle tariffe sono cambiati da allora?

Ci sono stati vari adattamenti minori, in particolare per gestire in maniera più efficiente alcune tariffe e mantenere così i costi per le consumatrici e i consumatori di corrente più bassi possibile. Tuttavia, da allora Swissgrid lavora con le stesse tariffe prescritte dalla legge. Per la prima volta è stata aggiunta una nuova tariffa per l’anno tariffario 2024: la tariffa per le riserve di energia elettrica. Il Consiglio federale ha stabilito diverse misure per migliorare la situazione dell’approvvigionamento per la Svizzera, soprattutto in inverno, tra cui la riserva di energia idroelettrica, l’allacciamento alla rete della centrale elettrica di riserva di Birr (AG) e l’utilizzo di gruppi elettrogeni di emergenza. Queste misure comportano costi che esulano dal controllo di Swissgrid, ma vengono addebitati tramite la nuova tariffa «Riserva di energia elettrica» tramite Swissgrid. Con la gestione operativa della riserva di energia idroelettrica e dei gruppi elettrogeni di emergenza, Swissgrid si sta facendo carico di attività che vanno oltre il suo mandato legale originario.

«Affinché la frequenza si mantenga sempre sui 50 Hertz, ogni secondo deve essere immessa nella rete tanta energia quanta ne viene consumata.»

Andreas Schreiber, Swissgrid

 
La tariffa per la riserva di energia elettrica aumenta i costi per le consumatrici e i consumatori. Tuttavia, per l’anno tariffario 2024 entrano in gioco anche altre tariffe analoghe. Di quali si tratta e come si sono sviluppate negli ultimi anni?

La tariffa generale per le prestazioni di servizio relative al sistema è nuovamente aumentata in modo significativo per l’anno tariffario 2024. Negli ultimi dieci anni ha oscillato a volte verso l’alto, a volte verso il basso. Come suggerisce il nome, la tariffa copre i costi delle prestazioni di servizio relative al sistema, in particolare la potenza di regolazione. Swissgrid ne ha bisogno per poter stabilizzare la frequenza in caso di oscillazioni. Approfondisco un po’ l’argomento: un importante prerequisito per l’esercizio sicuro della rete di trasmissione è l’equilibrio tra generazione di energia elettrica e relativo consumo. Affinché la frequenza si mantenga sempre sui 50 Hertz, ogni secondo deve essere immessa nella rete tanta energia quanta ne viene consumata. In caso di oscillazioni impreviste Swissgrid ricorre all’energia di regolazione: incarica le centrali elettriche di aumentare o ridurre la loro produzione. Affinché si possa ricorrere a questa riserva in qualsiasi momento, Swissgrid incarica le centrali elettriche della relativa messa a disposizione. Ciò significa che le centrali elettriche non possono vendere l’energia corrispondente altrove, ma tengono la potenza a disposizione di Swissgrid. Ogni fornitore basa quindi il proprio calcolo su quanto gli costa questa prenotazione o su quanto potrebbe altrimenti guadagnare sul mercato dell’elettricità. I prezzi dipendono quindi dai prezzi all’ingrosso.

Un’altra tariffa che aumenterà in modo significativo nel 2024 è la tariffa per le prestazioni di servizio relative al sistema per le perdite di potenza attiva. Anche qui, negli anni passati ci sono state regolari oscillazioni. Come mai? La tariffa individuale per la potenza attiva è determinata al 90 per cento dai prezzi dell’energia elettrica. Durante il trasporto, una parte dell’elettricità si disperde sotto forma di calore. Questa energia «persa» è chiamata «perdita di potenza attiva». Swissgrid deve compensare queste perdite di potenza attiva nella rete svizzera ad altissima tensione e a tal fine acquista elettricità dai rivenditori di energia elettrica tramite gare d’appalto o a breve termine sul mercato spot. Entrambe le opzioni di acquisto dipendono dai prezzi all’ingrosso.

I prezzi dell’energia elettrica sono aumentati dal 2021 e nel corso di tutto il 2022. Le distorsioni sul mercato dell’energia hanno provocato un aumento dei prezzi a livelli senza precedenti. Pertanto, la tariffa generale per le prestazioni relative al sistema e la tariffa individuale per le perdite di potenza attiva sono aumentate per gli anni tariffari 2023 e 2024.

«Il personale specializzato di Swissgrid lavora costantemente per apportare ulteriori miglioramenti, al fine di mantenere i costi di approvvigionamento più bassi possibile.»

Andreas Schreiber, Swissgrid

 
Swissgrid non ha alcuna possibilità di influenzare queste due tariffe?

In quanto società di rete nazionale, Swissgrid non può influenzare il prezzo dell’energia elettrica. Come già spiegato, la Svizzera dipende dal mercato all’ingrosso europeo, che a sua volta è influenzato dagli eventi internazionali. Tuttavia, abbiamo adottato diverse misure per influenzare in misura limitata le tariffe di Swissgrid.

Abbiamo introdotto meccanismi di acquisto basati sul mercato per le prestazioni relative al sistema. Abbiamo continuato a sviluppare i prodotti richiesti, in modo che ci sia la massima concorrenza possibile e che anche nuovi fornitori possano entrare nel mercato. Il meccanismo ha già avuto un effetto, poiché in alcuni casi i costi di approvvigionamento sono diminuiti significativamente negli ultimi anni. Tuttavia, questi miglioramenti non hanno potuto evitare che i costi delle prestazioni di servizio relative al sistema aumentassero nell’attuale contesto di forte incremento dei prezzi sul mercato dell’energia.

Swissgrid ha inoltre sviluppato una strategia di approvvigionamento per le perdite di potenza attiva per contrastare la volatilità dei prezzi dell’energia elettrica. Sulla base dei valori storici, Swissgrid definisce il proprio requisito minimo per la compensazione delle perdite di potenza. Acquista quindi questa quantità con diversi prodotti di mercato e con diversi orizzonti temporali (anno, trimestre, mese o prodotti spot). L’approvvigionamento di un anno inizia circa due anni prima e termina nell’intragiornaliero, il momento in cui la quantità per ogni ora può essere nuovamente regolata 60 minuti prima della fornitura. Grazie a questa strategia, Swissgrid è meno esposta alle fluttuazioni dei prezzi a breve termine e al momento del calcolo delle tariffe, all’inizio dell’anno, conosce gran parte (ossia circa il 60-75 per cento) dei costi per la compensazione delle perdite attive per l’anno in corso. Ciò consente una fissazione delle tariffe più accurata, riduce le differenze di copertura e dovrebbe garantire una maggiore stabilità delle tariffe.

In linea di principio, tuttavia, l’ottimizzazione delle prestazioni di servizio relative al sistema acquistate da Swissgrid è un processo continuo. Il personale specializzato di Swissgrid lavora costantemente per apportare ulteriori miglioramenti, al fine di mantenere i costi di approvvigionamento più bassi possibile.

«Swissgrid si impegna costantemente a mantenere il più basso possibile il carico finanziario per i consumatori e le consumatrici di corrente.»

Andreas Schreiber, Swissgrid

 
Esistono anche tariffe di Swissgrid che sono rimaste costanti negli ultimi anni?

Sì. La tariffa di lavoro del settore «Utilizzazione della rete» ha mostrato una scarsa volatilità negli ultimi 10 anni. Dal 2013, ha oscillato tra 0.16 centesimi/kWh (2013) e 0.27 centesimi/kWh (2023). Nel 2024 la tariffa di lavoro resta invariata rispetto al 2023. La tariffa di lavoro è una parte integrante del tariffario per l’utilizzazione della rete e copre l’attività principale di Swissgrid: l’ampliamento, la manutenzione e l’esercizio della rete svizzera di trasmissione. Le oscillazioni sono dovute a particolari effetti normativi o a cambiamenti nell’utilizzo dei ricavi da aste. I ricavi da aste sono quelli che Swissgrid genera mettendo all’asta le capacità di rete per il commercio transfrontaliero. I ricavi da aste vengono utilizzati per ridurre i costi e non sono sempre uguali. La Commissione federale dell’energia elettrica ElCom decide ogni anno come Swissgrid può utilizzare questi ricavi, se per ridurre le tariffe o per finanziare investimenti a lungo termine. Per il 2024, ElCom ha deciso che Swissgrid può utilizzare tutti i ricavi da aste per ridurre le tariffe. Negli anni precedenti, di solito solo una piccola parte dei ricavi veniva utilizzata per ridurre direttamente le tariffe.

Cosa pensa dell’evoluzione futura delle tariffe di Swissgrid?

È molto difficile formulare una previsione sull’evoluzione futura delle tariffe. Lo sviluppo delle tariffe nei prossimi anni è associato a molti fattori imponderabili. Non possiamo prevedere l’andamento dei prezzi sul mercato dell’elettricità: ci sono troppi fattori sconosciuti che possono influenzare questo aspetto. Tuttavia, sono convinto che Swissgrid continuerà a svolgere la sua attività principale in modo coscienzioso, garantendo così tariffe per l’utilizzazione della rete stabili. Anche se siamo in balia dell’andamento dei prezzi sul mercato dell’elettricità per quanto riguarda le prestazioni di servizio generali relative al sistema e l’approvvigionamento per le perdite di potenza attiva, continueremo a fare tutto il possibile per ottimizzare i nostri prodotti e il nostro approvvigionamento. Swissgrid si impegna costantemente a mantenere il più basso possibile il carico finanziario per i consumatori e le consumatrici di corrente.


Downloads


Autrice

Stephanie Bos
Stephanie Bos

Communication Manager


  • | Blog

    «User-centered design» per una rete elettrica ancora più sicura

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    La carenza di personale qualificato è un problema per la rete elettrica?

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    I contratti tecnici e i loro limiti

    Leggi l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.