La relazione tra la Svizzera e l’UE pone delle sfide per tutti gli attori del mercato svizzero dell’elettricità. Nell’estate del 2023, il Consiglio federale ha adottato parametri di riferimento per un mandato negoziale con l’UE e ha dato così inizio a questa relazione. La decisione sul mandato negoziale è ormai imminente. In questa intervista, Marc Ritter, CEO di AEW Energie AG, spiega l’importanza di questo sviluppo e di un eventuale accordo sul transito di energia elettrica con l’UE per un’azienda svizzera di approvvigionamento elettrico.


Marc Ritter, AEW Energie AG è una società di servizi energetici integrata per il canton Argovia. Che ruolo ha la relazione tra la Svizzera e l’UE per un’azienda di questo tipo?

Noi di AEW siamo indirettamente interessati dalle relazioni tra la Svizzera e l’UE, non da ultimo in quanto operatori di mercato per la compravendita di energia elettrica. Una relazione stabile con l’UE garantisce, tra l’altro, un approvvigionamento energetico ed elettrico sicuro e ci aiuta a realizzare un mercato dell’elettricità trasparente e liquido. Questo significa, di conseguenza, che abbiamo migliori opzioni per quanto riguarda l’utilizzo e l’approvvigionamento di energia elettrica.

In qualità di comproprietari di Axpo Holding, riconosciamo anche il valore delle centrali ad accumulazione con pompaggio svizzere per l’Europa. L’accesso al mercato interno dell’energia elettrica europeo è attualmente limitato per le centrali elettriche svizzere. Le centrali ad accumulazione con pompaggio, in particolare, hanno un grande potenziale per compensare le fluttuazioni della produzione di energie rinnovabili nei Paesi vicini a breve e medio termine.

Che impatto ha la mancanza di un accordo sul transito di energia elettrica per AEW Energie AG?

La Svizzera non può partecipare neanche ai mercati dell’elettricità accoppiati dell’UE e quindi non fa parte delle regioni di calcolo della capacità. Pertanto, nel calcolo delle capacità di trasporto transfrontaliero messe a disposizione per questi mercati dell’elettricità la Svizzera non viene considerata. Ciò determina un incremento di flussi imprevisti da parte della Svizzera, con ripercussioni negative sulla sicurezza della rete.

La liquidità dello scambio di energia sarà sempre più limitata e le relative differenze nei livelli di prezzo specifici dei singoli Paesi si accentueranno. Ciò significa che siamo esclusi o penalizzati da varie opzioni di determinazione dei prezzi e ancora possiamo acquistare e vendere energia solo in misura limitata. Si può ipotizzare che i prezzi dell’energia elettrica, soprattutto per l’energia di compensazione, saliranno nel lungo periodo. A livello tecnico e commerciale, dovremmo quindi essere coinvolti nel mercato europeo dell’elettricità.

Marc Ritter, CEO AEW Energie AG
Marc Ritter, CEO AEW Energie AG

AEW Energie AG fa affidamento sulle importazioni di energia elettrica in inverno?

Sebbene AEW abbia una percentuale di produzione propria elevata, come parte del sistema energetico svizzero dipendiamo anche dalle importazioni di energia elettrica (mesi invernali) e dalla possibilità di utilizzo (mesi estivi). Abbiamo collegamenti fisici (sezioni) con la Germania, in particolare con le nostre centrali elettriche sul Reno, dove utilizziamo anche i chilowattora prodotti dalle centrali ad acqua fluente.

La completa liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica è attualmente considerata un prerequisito fondamentale per la partecipazione al mercato interno dell’energia elettrica europeo ed è quindi probabile che sia una condizione per la conclusione di un accordo sul transito di energia elettrica con l’UE. Qual è la sua posizione in merito?

Da oltre 20 anni il mercato dell’elettricità è completamente liberalizzato in tutti i Paesi confinanti la Svizzera. L’attuale liberalizzazione parziale del mercato con due sistemi diversi non è ottimale: clienti con un’utilizzazione di energia elettrica superiore a 100 000 kWh all’anno possono scegliere il proprio fornitore di elettricità, mentre coloro che hanno un consumo annuo di energia elettrica inferiore, in particolare le famiglie e le piccole imprese commerciali, non hanno questa libertà al momento. Nell’interesse della nostra clientela, siamo favorevoli alla completa apertura del mercato dell’elettricità, in modo che tutti abbiano la libertà di scegliere il proprio fornitore di elettricità in futuro.

Le attuali evidenti distorsioni nelle tariffe del servizio universale per il 2023 e il 2024 delle oltre 600 aziende di approvvigionamento elettrico (AAE) in Svizzera stanno causando una mancanza di comprensione da parte dei clienti finali. Dalla presenza o meno di una produzione propria in un’AAE e dal tipo di regime di calcolo utilizzato per la determinazione delle tariffe dipendono notevoli differenze nella componente energetica del prezzo dell’energia elettrica per clienti con una fornitura di base. Una completa apertura del mercato dell’elettricità non porta necessariamente a prezzi più bassi, ma dovrebbe favorire una certa armonizzazione del livello dei prezzi della componente energetica. Inoltre, il cliente finale è responsabile della conclusione del contratto e può decidere consapevolmente di scegliere il fornitore che preferisce.

Una relazione stabile con l’UE garantisce, tra l’altro, un approvvigionamento energetico ed elettrico sicuro e ci aiuta a realizzare un mercato dell’elettricità trasparente e liquido.

Marc Ritter, CEO der AEW Energie AG

Secondo lei, ci sono altri settori in cui un accordo sul transito di energia elettrica con l’UE aprirebbe nuove opportunità?

Consideriamo la Svizzera come un sistema energetico integrato nell’ambiente europeo e AEW fa parte del sistema energetico svizzero. Una relazione stabile e armonizzata con l’UE è quindi di importanza centrale anche per AEW in termini di sicurezza della pianificazione, flessibilità e, non da ultimo, sicurezza dell’approvvigionamento.

Secondo lei, quali sono le alternative se non si conclude un accordo sul transito di energia elettrica con l’UE nel lungo periodo?

Dobbiamo essere consapevoli che senza un accordo sul transito di energia elettrica continueremo a isolarci all’interno dell’Europa e saremo sempre più esclusi da diverse aree di mercato, come il mercato dell’energia di regolazione. Ciò renderà la sicurezza dell’approvvigionamento più instabile e continueremo a perdere resilienza, soprattutto perché dipenderemo dalle importazioni di energia elettrica in inverno ancora a lungo. Di conseguenza, dobbiamo puntare a una cooperazione bilaterale con i Paesi vicini, almeno a livello tecnico; Swissgrid persegue o deve perseguire già da tempo questo obiettivo.


Autore

Jacqueline Kalberer
Jacqueline Kalberer

Communication Manager


  • | Blog

    «Per l’approvvigionamento elettrico del futuro servono rame e intelligenza»

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    Una relazione armoniosa con l’UE è vantaggiosa per tutti

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    La situazione 200 anni dopo

    Leggi l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.