Vista della galleria sotterranea

Reti di distribuzione Rete

Prima di tutto una questione di temperatura

La posa dei cavi per il collegamento sotterraneo tra La Bâtiaz e Le Verney a Martigny è in corso

Autrice: Marie-Claude Debons


Mettiti il berretto, fuori fa freddo! Tutti, da bambini, abbiamo sentito dire questa frase dai genitori, prima di uscire a giocare nei freddi mesi invernali. Lo stesso vale per le dodici bobine di cavo del collegamento sotterraneo La Bâtiaz - Le Verney a Martigny/VS. Se il valore di riferimento per una normale temperatura del corpo umano è di 37 °C, un cavo interrato di una linea ad altissima tensione deve avere una temperatura minima di 10 °C per essere srotolato correttamente. In questo periodo invernale, i 12 cavi da 380 kV trasportati da un convoglio speciale di 50 tonnellate su circa 150 km sono quindi al centro dell'attenzione.

Prodotta da Nexans Svizzera a Cortaillod/NE, ognuna delle 12 bobine di cavo è coperta da un telone prima di essere spedita a Martigny. E una volta sul posto, ogni cavo viene riscaldato con una coperta di protezione termica per raggiungere i famosi 10 °C necessari per eseguire il lavoro di tiraggio dei cavi nella galleria sotterranea.

Svolgimento del cavo, con la bobina successiva sotto il coperchio di protezione termica a sinistra
Svolgimento del cavo, con la bobina successiva sotto il coperchio di protezione termica a sinistra

Bobine consegnate una dopo l'altra

Normalmente, il lavoro di tiraggio dei cavi inizia una volta che tutte le bobine sono state consegnate. Ma in inverno è diverso. La consegna delle 12 bobine di 30 tonnellate ciascuna a Martigny sarà scaglionata tra il primo di dicembre 2021 e fine gennaio 2022. Una volta consegnato, il cavo viene riscaldato perché è necessario assicurarsi che sia alla giusta temperatura nel cantiere di Verney prima dell'installazione nella galleria. Dato che ogni cavo è lungo 1350 m, una semplice copertura non sarà sufficiente per farli tornare al loro stato originale. Ogni bobina è quindi avvolta in una copertura di protezione termica. Un riscaldatore elettrico soffia poi aria calda in questa copertura protettiva, che si gonfia come un palloncino per bambini e riscalda il cavo. Questa operazione dura qualche giorno, il tempo necessario perché il prossimo cavo arrivi a Martigny. Non appena la temperatura del primo cavo è ritenuta adeguata, la coperta termica viene installata sulla nuova bobina e il tiraggio del primo cavo può iniziare.

La gru installata nel cantiere di Verney solleva quindi la bobina di 30 tonnellate e la colloca in una bobina installata in superficie davanti all'entrata del pozzo. In precedenza, all'altra estremità della galleria di La Bâtiaz erano stati installati due argani, uno elettrico in fondo al pozzo e l'altro termico nella centrale. Un cavo di trazione in acciaio viene srotolato da La Bâtiaz nella galleria. Una volta a Le Verney, questo piccolo cavo viene collegato al cavo e inizia la posa. L'argano elettrico tira il cavo da La Bâtiaz con l'aiuto di tre spingitori, ciascuno con una forza di 800 kg, distribuiti in tutta la galleria. Una volta in fondo al pozzo di La Bâtiaz, l'argano termico subentra e solleva il cavo per gli ultimi metri dal fondo del pozzo alla stazione di La Bâtiaz. Il tiraggio di una lunghezza di cavo viene effettuato in un solo giorno.

Tiraggio dei cavi nella galleria sotterranea
Tiraggio dei cavi nella galleria sotterranea

Un cavo sotterraneo ben protetto

Il diametro di ogni cavo di questo collegamento sotterraneo è di 12 cm, mentre il conduttore al centro del cavo, che serve a trasportare l'elettricità, ha un diametro di soli 4 cm. Questa è ancora una dimensione significativa per un conduttore sotterraneo (1000 mm2 di rame). Ma sono proprio questi 8 cm di isolamento e protezione che appesantiscono la bilancia: quasi 11 kg al metro contro i 9 kg al metro del conduttore, cioè un peso per metro di cavo di quasi 20 kg. Va notato che è possibile toccare un cavo da 380.000 volt in servizio senza rischio di folgorazione grazie all'isolamento in polietilene (XLPE) spesso 3 cm al centro del cavo.

Uno dei problemi da affrontare nei progetti di linee interrate è la questione della dispersione del calore generato dalla corrente che scorre attraverso i cavi. A Martigny, le condizioni geologiche speciali di questo luogo particolare sulla pianura del Rodano hanno reso possibile la costruzione di questo collegamento sotterraneo. La galleria, che sarà anche dotata di un sistema di ventilazione, è stata perforata attraverso diversi strati della falda circostante.

Uscita dalla galleria di La Bâtiaz, cambio di argano
Uscita dalla galleria di La Bâtiaz, cambio di argano

In servizio a marzo 2022

La galleria, che sarà perforata a 10-20 metri di profondità su una distanza di 1,2 km tra la centrale di La Bâtiaz e Le Verney, nella valle del Rodano a Martigny, ospiterà 12 cavi ad alta tensione. Costituiscono l'ultima delle tre sezioni della linea a 380 kV che collega la centrale di pompaggio di Nant de Drance alla rete di trasmissione elettrica. L'ultima sezione sotterranea dovrebbe entrare in funzione alla fine di marzo 2022.

Vista della galleria sotterranea
Vista della galleria sotterranea

Autrice

Marie-Claude Debons
Marie-Claude Debons

Senior Communication Manager

Vi piace questo articolo?

Condividere questo articolo


Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.