Formicaio

Sostenibilità Pradella – La Punt

Maggiore sicurezza di approvvigionamento a scapito dell'ambiente?

Quando scompaiono 1100 piloni d'elettrodotti in Engadina

Autrice: Sandra Bläuer


Tra La Punt e Zernez, nei Grigioni, i piloni sono collegati tra loro per una distanza di circa 50 chilometri. Alti tra i 50 e gli 80 metri, i loro sei bracci offrono spazio per due linee. Ma fino a non molto tempo fa, i tre bracci su un lato di ogni pilone erano vuoti... Il motivo è che quando la linea venne costruita, negli anni '60, c'era meno bisogno di trasporto. Oggi, però, abbiamo bisogno di sempre più elettricità e quindi anche di reti di trasporto più sviluppate.

Utilizzo ottimale dell'infrastruttura esistente

Per questo motivo, Swissgrid ha integrato il tracciato esistente con un secondo sistema e oggi i piloni portano ciascuno una linea su entrambi i lati. Ciò corrisponde al principio NOVA, secondo il quale Swissgrid pianifica la rete di trasmissione. NOVA è l'acronimo della denominazione tedesca «Netzoptimierung vor Netzverstärkung vor Netzausbau» (ottimizzazione della rete prima del suo potenziamento e del suo ampliamento), che mira a minimizzare gli impatti ambientali e paesaggistici dell'ampliamento della rete.

Come misura sostitutiva del progetto di rete Pradella – La Punt, Swissgrid ha cofinanziato la sostituzione della linea aerea da 60 kV delle centrali elettriche engadinesi tra Pradella e Bever con una linea interrata da 110 kV. Ciò significa che l'energia della centrale elettrica di Ova Spin può essere trasportata nel sottosuolo. Di conseguenza, 1100 piloni non erano più necessari e sono stati smantellati. Lo smantellamento alleggerisce notevolmente il paesaggio dell'Engadina. La valutazione dell'impatto ambientale ha dimostrato che questa misura, da sola, avrebbe più che compensato il progetto di ampliamento/risanamento di Pradella – La Punt. Tuttavia, Swissgrid ha implementato ulteriori misure per proteggere l'ambiente nel corso del progetto.

Smantellimento di piloni
1/3: Come misura sostitutiva per il progetto Pradella – La Punt, sono stati smantellati 1100 piloni della rete di distribuzione in Engadina (fonte: EKW)
Smantellimento di piloni
2/3: Come misura sostitutiva per il progetto Pradella – La Punt, sono stati smantellati 1100 piloni della rete di distribuzione in Engadina (fonte: EKW)
Smantellimento di piloni
3/3: Come misura sostitutiva per il progetto Pradella – La Punt, sono stati smantellati 1100 piloni della rete di distribuzione in Engadina (fonte: EKW)

Cura del terreno

Per l'ampliamento tra Pradella e La Punt è stato necessario rinforzare i piloni esistenti e le relative fondamenta e, in alcuni casi, costruire anche piloni completamente nuovi. E dove si costruisce, la natura ne risente. Per proteggere il terreno dalla compressione dovuta al trasporto terrestre, sono state preparate opportune piste per i mezzi di trasporto. Sul terreno è stato posizionato un telo, sul quale sono stati sparsi circa 50 cm di ghiaia. In questo modo, è stato possibile distribuire l'immensa pressione dei pneumatici relativamente stretti dei veicoli su una superficie più ampia. Ma il telo aveva anche un'altra utilità: sui terreni agricoli, il materiale di scavo e il terreno sono stati temporaneamente stoccati in due frazioni separate. In questo modo, successivamente si possono smaltire i depositi con meno fatica e si tutela il suolo sottostante. Poiché il materiale di scavo e il terreno potevano essere potenzialmente contaminati da metalli derivanti dalla protezione anticorrosione dei piloni, il telo ha protetto anche dalla diffusione di questi contaminanti.

Telo protegge il terreno
Durante i lavori di costruzione, il telo protegge il terreno dalle compressioni e dalla diffusione di eventuali contaminazioni (fonte: ARINAS)

Proteggere la foresta e i suoi aiutanti

Ma Swissgrid non era l'unico costruttore in Engadina: mentre lavorava nella foresta, un professionista dell'edilizia particolarmente attento ha scoperto un grande cumulo di materiali vegetali e terra: un formicaio. Le formiche delle foreste non sono solo eccellenti costruttrici, ma sono anche utili aiutanti dell'ambiente e stabilizzano l'equilibrio ecologico. Subito è apparso evidente che la struttura doveva essere protetta. Per evitare il più possibile di arrecare disturbo, il formicaio è stato protetto dalle attività del cantiere con una parete di legno.

Formicaio
Un formicaio è stato protetto con una parete di legno (fonte: ARINAS)

Ma le misure per la protezione dell'ambiente non finiscono con il completamento del progetto della linea. I siti dei singoli piloni sono già stati controllati più volte alla ricerca di neofiti. Queste piante esotiche sostituiscono le piante autoctone, mettendo a rischio la biodiversità. Per tutelare la biodiversità, Swissgrid combatte immediatamente i neofiti.

Il progetto Pradella – La Punt ha dimostrato ampiamente che i progetti infrastrutturali non devono necessariamente essere in conflitto con la natura. Per la regione, il progetto di rete ha significato non solo una maggiore sicurezza dell'approvvigionamento grazie alla riduzione delle congestioni strutturali, ma anche un beneficio per la natura e la protezione dell'ambiente.

Costruzione della linea interrata 110 kV da Bever a Pradella (video di Brugg Cables, in tedesco)


Autrice

Sandra Bläuer
Sandra Bläuer

Communication Manager


  • | Blog

    «Per l’approvvigionamento elettrico del futuro servono rame e intelligenza»

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    Una relazione armoniosa con l’UE è vantaggiosa per tutti

    Leggi l'articolo
  • | Blog

    La situazione 200 anni dopo

    Leggi l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.