Progetto di rete Bickigen – Chippis

Senza un potenziamento delle linee esistenti, non è possibile trasportare completamente l'energia idroelettrica nei centri dell'Altopiano centrale. A tale scopo sarà necessario un aumento della tensione tra la sottostazione di Chippis (VS) e Bickigen (BE) passando dagli attuali 220 kV a 380 kV.

Il vostro contatto per questo progetto

Joshu Jullier
Joshu Jullier

Telefono +41 58 580 21 11
info@swissgrid.ch

Linea a 380 kV
Linea a 380 kV
Linea esistente
Linea esistente
Sottostazione
Sottostazione

Panoramica

Il progetto prevede l'aumento della tensione della linea a 220 kV, lunga 106 chilometri, collocata tra la sottostazione di Bickigen (BE) e la sottostazione di Chippis (VS) con una linea a 380 kV. La linea a 220 kV da Chippis a Bickigen è stata costruita tra il 1963 e il 1965. L'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI) aveva già autorizzato questa linea per una tensione di esercizio di 380 kV, ma fino a oggi ha operato solo a 220 kV.

La rete di trasmissione nel Vallese e in altre regioni presenta congestioni strutturali. Già oggi Swissgrid deve regolarmente chiedere ai gestori delle centrali elettriche di limitare la produzione. Per aumentare la capacità dell'attuale linea a 220 kV tra Chippis e Mörel, questa linea verrà integralmente ristrutturata portandola a una tensione di 380 kV. Con l'entrata in servizio della nuova centrale ad accumulazione con pompaggio di Nant de Drance, senza il collegamento delle linee di trasmissione nel Vallese alla rete a 380 kV, è possibile trasportare solo due terzi della produzione vallese di energia idroelettrica.

Perché tutta l'energia possa essere trasportata dalla sottostazione di Chippis (VS) e la sottostazione di Bickigen (BE), questa linea verrà portata dalla tensione attuale di 220 chilovolt a una tensione di 380 chilovolt per tutta la sua lunghezza.


Progetto

La linea tra Chippis e Bickigen dovrà ora funzionare con una tensione di 380 kV. Per questa ragione sarà risanata e ammodernata. I progetti di costruzione sono ingenti: sono previste modifiche a 294 tralicci. Le misure costruttive saranno comunque effettuate sui tralicci e sulle linee già esistenti. Il tracciato della linea originario resta invariato.

Prima che la linea possa funzionare con 380 kV, è assolutamente necessario adeguarla alla nuova legislazione, ad esempio alle nuove ordinanze relative all'isolamento acustico e sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti. Le misure di aumento di tensione e di ammodernamento includono tra l'altro

  • un aumento della tensione del cavo per aumentare la distanza dal suolo tra i tralicci (su 267 tralicci),
  • il montaggio di catene a doppio tensionamento per i bracci più bassi (su 50 tralicci). In questo modo la distanza dal suolo aumenterà di circa 4.5 metri nella zona dei tralicci di sospensione,
  • un ingrandimento dei tralicci di qualche metro (su 30 tralicci),
  • il montaggio di cavi a bassa rumorosità per la riduzione del rumore e
  • il rinforzo delle fondamenta (per 245 tralicci) e della struttura portante (per 263 tralicci).

I lavori di costruzione dureranno in totale circa due anni. Il tempo di costruzione previsto per ciascuna ubicazione dei tralicci durerà, a seconda della misura effettuata, tra i 3 e i 15 giorni.

Dati e le cifre

Lunghezze del tracciato Chippis – Wimmis ca. 49,5 km
Wimmis – Bickigen ca. 57,1 km
Numero di tralicci 297
Numero di tratti 2
Numero di fasci 2
Cavi elettrici 600 mm2 Aldrey
Tensione a monte / a valle 220 kV / 380 kV
Intensità di corrente a monte / a valle 1920 Ampère / 1500 Ampère

Tappe principali in caso di procedura ottimale

July 2015 Dossier d'approvazione dei piani inoltrato all'ESTI
Novembre – dicembre 2015 Presentazione al pubblico nei comuni
Febbraio 2017 L'ESTI inoltra il dossier all'Ufficio federale dell'energia (UFE). L'UFE in una fase successiva avvierà le trattative di accordo con gli oppositori legittimati.
Fine 2019 Attesa la procedura di approvazione dei piani da parte dell'UFE
2021 Entrata in servizio

Uomo & ambiente

Assetto paesaggistico

Il progetto di costruzione è molto ampio, nonostante ciò le conseguenze sul piano ambientale e paesaggistico sono minime. Vi saranno ripercussioni permanenti sul paesaggio. Tuttavia, rispetto alla situazione iniziale, le modifiche saranno percepibili solo per ciò che riguarda l'innalzamento dei tralicci pianificato. I 7 tralicci interessati dall'innalzamento, tra i 2 e i 6 metri, sono prevalentemente situati nella zona alpina tra Leukerbad e Kandersteg, vi sono tuttavia alcuni singoli innalzamenti di tralicci sull'intera linea. Con misure mirate verranno ridotti al minimo gli effetti negativi su terreno, flora e fauna e al termine dei lavori di costruzione verrà ripristinata la situazione iniziale.

Campi elettromagnetici

Grazie alle misure di risanamento, verrà ridotto l'impatto dei campi magnetici sull'intera linea, ottenendo così un importante miglioramento rispetto alla situazione attuale. L'esercizio a 380 kV comporterà un aumento delle emissioni acustiche, tuttavia i valori soglia di immissione verranno dovunque rispettati grazie alle misure attuate.

Limitazione del flusso di esercizio

Per la costruzione di linee, Swissgrid rispetta sempre i valori limite previsti dalla legge. L'Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI) viene sempre rispettata. Inoltre Swissgrid si riserva di gestire la linea come finora con un'intensità di corrente di 1920 Ampère. La base è rappresentata dalla versione dell'ORNI rivista nel luglio 2016. Perché la tensione di 220 chilovolt possa essere portata a 380 chilovolt, alcuni tralicci devono essere innalzati, determinate fondamenta rafforzate e in determinate sezioni è necessario tendere i cavi. Con queste misure si riduce significativamente il campo magnetico anche senza limitazione del flusso di esercizio.


Downloads


News di rete

  • | Comunicato stampa

    Inizio dei lavori presso il «Gäbihübel»

    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: inizio dei lavori

    I lavori preparatori per la costruzione della linea aerea ad altissima tensione Chamoson – Chippis, iniziati nello scorso mese di gennaio, sono ormai giunti al termine per le due prime tratte tra Chalais e Sierre e tra Sion e Vex.
    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: studio geologico supplementare

    Nel 2015 il geologo cantonale vallesano ha richiesto un ulteriore studio sui «pericoli naturali» per il progetto della linea ad altissima tensione Chamoson - Chippis.
    Leggere l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.