Sottostazione di Rüthi

Con la nuova costruzione della sottostazione e i nuovi allacciamenti alla linea Swissgrid migliora la sicurezza dell'approvvigionamento nella Svizzera orientale e il collegamento con l'Austria. Lo smantellamento della vecchia linea alleggerisce l'area industriale di Rüthi.

Il vostro contatto per questo progetto

Jan Schenk
Jan Schenk

Telefono +41 58 580 21 11
info@swissgrid.ch

Smantellamento
Smantellamento
Linea esistente
Linea esistente
Sottostazione
Sottostazione

Panoramica

La nuova sottostazione di Rüthi e gli allacciamenti alla linea sono entrati pienamente in servizio nell'ottobre 2017 dopo un tempo di costruzione di circa tre anni. Nella stessa ubicazione anche le FFS hanno costruito una nuova sottostazione.

Miglioramento rispetto alla situazione attuale

  • La nuova costruzione della sottostazione di Rüthi e i nuovi allacciamenti alla linea aumentano la sicurezza dell'approvvigionamento nella Svizzera orientale e migliorano il collegamento con l'Austria
  • Il traliccio di intersezione nell'area di Rehag viene disgiunto. Il tracciato della linea separato dei collegamenti ovest-est e nord-sud aumenta la sicurezza dell'approvvigionamento. In tal modo per i lavori di manutenzione è necessario mettere fuori servizio un minor numero di linee.
  • La linea da 220 kV esistente che attraversa l'area industriale di Rüthi verrà smantellata. Di conseguenza il comune di Rüthi potrà utilizzare diversamente l'area e ampliare la zona industriale.
Planimetria della sottostazione di Rüthi
Planimetria della sottostazione di Rüthi

Progetto

Sottostazione

La nuova sottostazione aerea da 220 kV è entrata in servizio nell'ottobre 2017 dopo un tempo di costruzione di circa tre anni. Situata in un'area di circa 20'000 m2, la sottostazione comprende sei campi di linea con un campo di accoppiamento ed è fornita di sbarre di distribuzione doppie. Cinque cabine decentralizzate accoglieranno tutte le centraline di campo. L'elettronica installata al loro interno sarà collegata tramite cavi di comando ai dispositivi primari e tramite cavi elettrici e cavi con fibra ottica all'edificio di servizio. Questa costruzione industriale comprende tutte le unità funzionali per il controllo dell'intera stazione elettrica nonché le unità per l'approvvigionamento energetico e per il collegamento alla stazione di comando della rete prioritaria.

Nell'area di Rehag si trovava un punto di intersezione di diverse linee della rete di trasmissione della Svizzera. Eventuali lavori di manutenzione o di riparazione su questo traliccio di intersezione causano in genere la messa fuori esercizio delle linee collegate. Con la costruzione della sottostazione di Rüthi si è potuto eliminare questo punto di congestione, in quanto nella stazione elettrica pianificata c'è la possibilità di disattivare le linee in modo selettivo. In questo modo si può garantire la sicurezza dell'approvvigionamento anche durante gli interventi di manutenzione o di riparazione. Con l'entrata in servizio della sottostazione di Rüthi si rinforza lo scambio di energia a livello della rete di trasmissione. Il collegamento tra la Svizzera e l'Austria già esistente acquista ulteriore importanza.

L'aumento della tensione della linea Rüthi – Bonaduz a 380 chilovolt era inserito nella Rete strategica 2015 che il Consiglio federale ha pubblicato nel 2009. Nel 2015 Swissgrid con la «Rete strategica 2025» ha comunicato la sua pianificazione della rete da un punto di vista dell'intero territorio svizzero e ha riconsiderato i progetti di rete. Un collegamento da 380 kV Rüthi – Bonaduz non è più inserito nella «Rete strategica 2025» poiché non è necessario per la sicurezza dell'approvvigionamento fino al 2025. Per il trasporto dell'energia dalle centrali elettriche esistenti, i collegamenti da 220 kV sono sufficienti. Nella pianificazione della «Rete strategica 2025» non è prevista alcuna trasformazione nella sottostazione di Rüthi. La stazione elettrica potrebbe essere ampliata in una fase costruttiva successiva con campi di comando da 380 kV. Gli allacciamenti della linea nella sottostazione di Rüthi vengono costruiti per 380 chilovolt, tuttavia vengono utilizzati solo con 220 chilovolt.

Allacciamenti

La precedente configurazione di rete con il tracciato della linea di due collegamenti su un traliccio di intersezione nell'area di Rehag non era ottimale. Per la disgiunzione della struttura di rete i collegamenti est-ovest e nord-sud sono stati inseriti nella sottostazione di Rüthi tramite corrispondenti allacciamenti della linea. Ciò ha consentito lo smantellamento della linea esistente che correva dal traliccio Rehag all'area industriale di Rüthi. In tal modo si alleggeriscono l'area industriale di Rüthi e il centro abitato di Rehag.

Allacciamento ovest

L'allacciamento ovest alla sottostazione di Rüthi è una linea comune da 220 / 132 kV Swissgrid / FFS. Il collegamento porta alla sottostazione di Winkeln. In realtà la linea è progettata per 380 kW e isolata, ma continua ad essere gestita a 220 kV.

Allacciamento est

L'allacciamento est alla sottostazione Swissgrid di Rüthi viene realizzato tradizionalmente come linea aerea da 380 / 220 kV dalla sottostazione di Meiningen in Austria. A partire dalla linea di confine nazionale si sostituiranno i conduttori per circa 0,6 chilometri, adattando la sezione e il materiale ai conduttori provenienti da Meiningen. In realtà la linea è progettata per 380 kW e isolata, ma continua ad essere gestita a 220 kV.

Allacciamento sud

L'allacciamento sud è una linea da 220 kV alla sottostazione di Bonaduz. In totale sono stati costruiti quattro nuovi piloni su una lunghezza di 1.3 chilometri circa. In realtà la linea è progettata per 380 kW e isolata, ma continua ad essere gestita a 220 kV.

Allacciamento nord

I piani originariamente progettati per la nuova costruzione della sottostazione prevedevano un adeguamento a nord (sottostazione di Montlingen, da Mörschwil alla sottostazione di Rüthi). In ragione delle obiezioni, Swissgrid nel 2017 ha ritirato la richiesta per la procedura di approvazione dei piani (PAP) per questo allacciamento della linea. Swissgrid riesamina i possibili tracciati della linea per l'allacciamento nord. Nel farlo prende in considerazione sia varianti con cavi sia varianti di linee aeree. A tempo debito Swissgrid fornirà informazioni sull'avanzamento del progetto.


Uomo & ambiente

Il rapporto sulla sostenibilità ambientale risale all'anno 2008. Gli autori sono giunti alla conclusione che può essere escluso un rischio significativo per l'ambiente. L'allacciamento alla linea sud comporta un alleggerimento della zona industriale di Rüthi e del borgo di Rehag. Gli effetti sull'ambiente sono limitati e, rispetto allo stato attuale, non può essere accertato alcun maggior impatto considerevole, anche nell'area IFP. La procedura è a norma di legge.

Paesaggio

La linea, nella zona del Blattenberg, attraversa un'area paesaggistica protetta. Una parte arriva nell'area IFP «Säntisgebiet». A causa di riflessioni legate alla tutela del paesaggio, i tralicci nella zona collinare saranno mantenuti bassi, il che richiede un taglio parziale in altezza del bosco. Inoltre, si è cercato di scegliere la posizione dei tralicci in modo che si integrassero al meglio nel paesaggio. I tralicci saranno colorati in modo da corrispondere alla tonalità cromatica predominante dello sfondo.

I primi tralicci esterni della sottostazione per gli allacciamenti alla linea ovest, nord ed est sono alte 17,5 metri, invece per l'allacciamento da sud 30 metri, perché queste sono già state predisposte per il futuro ampliamento a 380 kV. Con una colorazione appropriata dei primi tralicci esterni e delle barre collettrici come pure dell'edificio di servizio, la sottostazione sarà adattata all'ambiente circostante. Inoltre la conformazione dell'ambiente fedele alla natura, con siepi e alberate, garantisce una buona integrazione nel paesaggio.

Campi elettromagnetici

Nel perimetro oggetto dello studio, ai sensi dell'ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI), si trovano due edifici con luoghi a utilizzazione sensibile (LUS), dove deve essere rispettato il valore limite d'impianto di 1 microtesla. Poiché la linea qui passa sopra alla valle a un'altezza di circa 100 metri, tutte le prescrizioni ai sensi dell'ORNI sono pienamente rispettate. Anche per quanto riguarda la sottostazione, l'ORNI è pienamente rispettata.

Rumore / aria

Gli allacciamenti alle linee interessano principalmente aree boschive e agricole, al contrario non riguardano cantieri e zone abitate. I calcoli sull'effetto corona mostrano che questo è notevolmente al di sotto dei valori pianificati prescritti di 50 dB(A). Le prescrizioni dell'Ordinanza contro l'inquinamento fonico (OIF) sono pienamente rispettate.

Poiché nella prima fase non è previsto alcun trasformatore, sostanzialmente la stazione elettrica pianificata da 220 kV in servizio non crea alcun rumore. Fatta eccezione per procedure di comando udibili occasionalmente. L'edificio più vicino con ambienti sensibili ai rumori si trova a oltre 250 metri di distanza dalla sottostazione. Pertanto, anche per quanto riguarda la sottostazione, l'OIF può essere pienamente rispettata.

Le emissioni sonore durante la fase costruttiva sono in punti isolati e limitate a periodi relativamente brevi, anche per quanto riguarda gli interventi pianificati con gli elicotteri per i lavori di costruzione e di montaggio. Per lo svolgimento dei lavori di costruzione verranno adottate procedure silenziose e rispettati gli orari di riposo.

Per ridurre le emissioni atmosferiche vengono utilizzati strumenti di lavoro a basse emissioni.

Boschi

In totale saranno collocati quattro tralicci in aree boschive. Per la costruzione di fondamenta, magazzini del materiale e di montaggio ed eventuali interventi di manutenzione futuri, sono necessari dissodamenti temporanei e permanenti. Il dissodamento definitivo è di 1085 m2. Per i posti d'installazione per l'immagazzinamento del materiale e la manovra dei veicoli sono necessari dissodamenti temporanei di 1573 m2.

I dissodamenti temporanei saranno compensati in loco dopo lo smantellamento dei posti dell'installazione e delle strade di accesso. Il compenso per i dissodamenti definitivi (1085 m2) sarà fornito nel comune patriziale di Montlingen.

In particolare è interessato l'allacciamento nord non ancora autorizzato. Qui potrebbero esserci ancora cambiamenti, a seconda che debba essere costruita una linea di cavi o debba essere trovata un'esecuzione alternativa con linea aerea.

Fauna

In linee aeree da 380 e 220 kV, il rischio di folgorazione per gli uccelli è ridotto. Al contrario, il rischio di collisione è relativamente alto, in particolare per i gufi e i lodolai presenti in quest'area. In caso di eventuali problemi, si farà una verifica delle misure di tutela locali. Un peggioramento eclatante degli habitat degli uccelli nelle zone già soggette a impatto è poco probabile.

A causa della fauna selvatica presente nel bosco sul Blattenberg, i lavori di costruzione in quest'area non devono estendersi ai mesi invernali per ridurre al minimo i disturbi nel periodo di costruzione. Affinché il funzionamento del corridoio faunistico da Meiningen per il Reno nell'area del Blattenberg non sia limitato, sarà lasciato aperto un corridoio largo 30 metri tra il recinto della sottostazione e il bosco e sarà valorizzato da strutture.

Non si prevedono ripercussioni su anfibi, rettili e pesci.

Vegetazione, suolo e acqua

Il progetto non interessa torbiere alte o basse, prati o pascoli magri e altre aree protette di importanza nazionale. Occorre conservare e ripristinare gli altri habitat naturali protetti. Gli eventuali danni permanenti saranno indennizzati.

Durante lo scavo delle sottostazioni di Swissgrid ed FFS si producono grandi quantità di materiali pregiati. Questi materiali non contaminati non devono essere smaltiti in una discarica, riempiendo così spazio prezioso nella discarica stessa, ma devono essere riutilizzati nel comune di Rüthi. Al centro di tale processo ci sono le opere per compensare l'abbassamento del terreno nei territori «Werben» e «Stöcken» e la sostituzione del materiale molto contaminato nell'ambito del risanamento della vecchia discarica «Sand». La bonifica del suolo permette di migliorare la qualità del suolo stesso in questi territori e di semplificarne lo sfruttamento agricolo. Lo sbancamento del suolo presso il cantiere e i lavori previsti per la bonifica del territorio saranno eseguiti solo in presenza di buone condizioni del suolo e atmosferiche e saranno controllati da un accompagnamento pedologico per garantire la tutela del suolo.

Non saranno collocati tralicci nelle immediate vicinanze di acque superficiali, al contrario sei tralicci e l'intera sottostazione saranno in un settore di protezione delle acque. La profondità di fondazione della sottostazione con edificio di servizio, primi tralicci esterni e sbarre di distribuzione è di 2.5 metri al massimo. Per questo, durante i lavori di costruzione, viene prestata la massima attenzione affinché la falda freatica non venga contaminata. Le misure di protezione delle acque saranno stabilite nell'area della sottostazione con l'accompagnamento ambientale nella fase di costruzione.

Misure sostitutive

  • Smantellamento dell'attuale linea aerea da 220 kV passante per l'area industriale di Rüthi e il borgo di Rehag su una lunghezza di 1,8 chilometri (5 tralicci)
  • Per il pregiudizio del bosco (superficie di dissodamento definitiva) sarà fornito un compenso in natura al comune patriziale di Montlingen
  • Rivalutazione dei boschi di querce nell'area di Schlatt
  • Nella zona del Binnenkanal l'area è stata rinaturalizzata e trasformata in un'area di svago per la popolazione.

News di rete

  • | Comunicato stampa

    Inizio dei lavori presso il «Gäbihübel»

    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: inizio dei lavori

    I lavori preparatori per la costruzione della linea aerea ad altissima tensione Chamoson – Chippis, iniziati nello scorso mese di gennaio, sono ormai giunti al termine per le due prime tratte tra Chalais e Sierre e tra Sion e Vex.
    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: studio geologico supplementare

    Nel 2015 il geologo cantonale vallesano ha richiesto un ulteriore studio sui «pericoli naturali» per il progetto della linea ad altissima tensione Chamoson - Chippis.
    Leggere l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.