Progetto di rete Airolo – Lavorgo

La costruzione della nuova linea tra Airolo e Lavorgo è necessaria per garantire un secondo collegamento a 380 kV tra il Canton Ticino ed il resto della Svizzera, aumentando così la sicurezza esercizio. Si eviterà in futuro di dover introdurre limitazioni di produzione presso le centrali idroelettriche ticinesi.

Il vostro contatto per questo progetto

Alessandro Cameroni
Alessandro Cameroni

Telefono +41 58 580 21 11
info@swissgrid.ch

Zona di pianificazione
Zona di pianificazione
Smantellamento
Smantellamento
Linea esistente
Linea esistente
Sottostazione
Sottostazione

Panoramica

La linea attuale è oggi considerata vetusta e necessita a medio termine di un risanamento o di un rifacimento indipendentemente dal progetto di potenziamento in questione. Si prevede di costruire un secondo collegamento a 380 kV tra il Canton Ticino ed il resto della Svizzera. Grazie a questo completamento si eviterà che i flussi internazionali vadano a sovraccaricare la rete 220 kV.

Il progetto di potenziamento tra Airolo e Lavorgo è parte della rete strategica 2025 di Swissgrid. Al nuovo tracciato 380 kV è stata integrata una linea 132 kV di FFS evitando così la costruzione di una linea FFS sul fondovalle.

Miglioramento rispetto alla situazione attuale

  • Aumento della sicurezza di esercizio
  • Grazie al completamento della rete 380 kV si evita che i flussi internazionali vadano a sovraccaricare la rete 220 kV. In questo senso si eviterà in futuro di dover introdurre limitazioni di produzione presso le centrali idroelettriche.
  • Smantellamento delle linee 220 kV Airolo – Lavorgo e Peccia-Lavorgo (una volta in funzione le nuove linee in Leventina e Vallemaggia)
  • Riordino delle linee AET a Quinto e Faido
  • Nuovo collegamento FFS 132 kV, evitando la costruzione di una linea FFS supplementare sul fondovalle, al fine di garantire l'approvvigionamento di AlpTransit Gottardo

Progetto

Il progetto di potenziamento tra Airolo e Lavorgo da 220-kV a 380-kV promosso da Swissgrid è di valenza strategica nell’ambito del completamento di rete 380-kV a livello nazionale e internazionale. Al nuovo tracciato 380-kV è stata integrata una linea 132-kV di FFS che permetterà di creare una ridondanza per tutto il Ticino.

La linea attuale è oggi considerata vetusta e necessita a medio termine di un risanamento o di un rifacimento indipendentemente dal progetto di potenziamento in oggetto. Il progetto permette di realizzare un secondo collegamento a 380 kV tra il Canton Ticino ed il resto della Svizzera. Grazie a questo completamento si evita che i flussi internazionali vadano a sovraccaricare la rete 220 kV. In questo senso si eviterà in futuro di dover introdurre limitazioni di produzione presso le centrali idroelettriche della Vallemaggia.

Come si è arrivati a questo progetto?

Nel novembre 2013, il Cantone Ticino, Swissgrid, AET e FFS, in accordo con l’UFE, hanno deciso di cercare delle varianti più adatte alla specificità del territorio e che considerassero una visione complessiva dell’Alto Ticino, invece di limitarsi, come fatto fino ad allora, alla sola Leventina. Hanno perciò avviato congiuntamente lo «Studio di riordino delle reti ad alta ed altissima tensione in Ticino». In una prima fase è stata presa in considerazione la zona denominata «Comparto Alto Ticino – Parte Ovest» che comprende la Vallemaggia, il Locarnese fino a Magadino, la Val Bedretto e l’alta Leventina fino a Lavorgo.

La «Soluzione di riordino»

Lo studio ha portato alla scelta unanime da parte di UFE e del gruppo d’accompagnamento della procedura, della «Soluzione per il riordino degli elettrodotti, cosiddetta variante Leventina + 14» individuata fra una settantina di opzioni, che permetterà tra le altre cose di smantellare ca. 60 km di linee.

Cronologia

1997 – 2001 Prima consultazione ed inserimento quale risultato intermedio nel PSE della procedura 106 Airolo – Lavorgo
2006 – 2012 Integrazione nel progetto di un circuito 132 kV FFS
Istituzione del gruppo d’accompagnamento
Avvio della procedura di consultazione
2012 Studio per delle varianti in cavo sul fondovalle
2013 Passaggio della proprietà della rete a Swissgrid
2013 Avvio Studio riordino reti ad alta ed altissima tensione, concentrato inizialmente nel «Comparto Vallemaggia e Locarnese fino Magadino, Valle Bedretto e Leventina fino a Lavorgo»
2014 Scelta di una variante (cosiddetta «Leventina + 14»)
2015 Inoltro di una richiesta di consolidamento per una zona di pianificazione All'Acqua – Vallemaggia – Magadino (PSE 109)
26. maggio – 31. luglio 2015
Consultazione e partecipazione PSE 106 a PSE 109
23. marzo 2016
Il Consiglio federale ha approvato la scheda di coordinamento PSE 106 (corridoio tra Airolo e Lavorgo), e la scheda di coordinamento PSE 109 (zona di pianificazione tra All'Acqua e Magadino)
2019 Fine della progettazione

Commissione consultiva di progetto

La commissione consultiva di progetto rappresenta un forum consultivo che consente la collaborazione attiva dei diversi membri e nel quale si può promuovere la comprensione reciproca e si possono avanzare direttamente le diverse esigenze.

La commissione consultiva di progetto è stata istituita il 5 luglio 2017, la prima seduta si è tenuta a Airolo ed è composta da rappresentanti dei Comuni interessati (Airolo, Dalpe Faido, Prato Leventina e Quinto), dei Patriziati e da associazioni ambientaliste. La seconda seduta si è tenuta nel febbraio 2018.


Uomo & ambiente

La variante Leventina + 14 scelta nell’ambito dello Studio Generale reti ad alta e altissima tensione in Ticino, è coerente con gli obiettivi della politica cantonale.

Campi elettromagnetici

La maggiore distanza della linea dagli insediamenti comporterà un minore carico per la popolazione. Il valore limite di 1 μT per la radiazione elettromagnetica sarà rispettato in ogni punto, o addirittura sensibilmente superato al ribasso.


Downloads


News di rete

  • | Comunicato stampa

    Inizio dei lavori presso il «Gäbihübel»

    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: inizio dei lavori

    I lavori preparatori per la costruzione della linea aerea ad altissima tensione Chamoson – Chippis, iniziati nello scorso mese di gennaio, sono ormai giunti al termine per le due prime tratte tra Chalais e Sierre e tra Sion e Vex.
    Leggere l'articolo
  • | News

    Chamoson – Chippis: studio geologico supplementare

    Nel 2015 il geologo cantonale vallesano ha richiesto un ulteriore studio sui «pericoli naturali» per il progetto della linea ad altissima tensione Chamoson - Chippis.
    Leggere l'articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.