Progetti di rete Gotthard

Il progetto pionieristico del San Gottardo come infrastruttura multifunzionale

Autrice: Jacqueline Kalberer


Un collegamento in galleria, che più di ogni altro contraddistingue la Svizzera, è quello del San Gottardo. Con l'apertura della prima galleria ferroviaria del San Gottardo, lunga 15 km, nel 1882 ebbe inizio l'era delle grandi opere ingegneristiche. Nel 2016 la Svizzera si è ispirata a questo glorioso passato e ha aperto la Galleria di base del San Gottardo che, con i suoi 57 km, è galleria ferroviaria più lunga del mondo. Tuttavia, il massiccio del San Gottardo non è attraversato solo da binari, bensì anche da strade. Oltre alla galleria autostradale del San Gottardo, inaugurata nel 1980, è in costruzione di una seconda galleria, un'infrastruttura multifunzionale che ha tutte le carte in regola per diventare un altro capolavoro dell'ingegneria.

Uno sguardo al futuro
1/2: Uno sguardo al futuro – sostituzione dell'attuale linea del Gottardo
Gotthardleitung
2/2

Interramento della linea del San Gottardo

Dal 1933 una linea ad altissima tensione passa attraverso il San Gottardo. Parte di questa linea si avvicina ormai alla fine del suo ciclo di vita e dovrà essere parzialmente risanata. Il risanamento complessivo della linea pianificato da Swissgrid coincide come tempistiche con la costruzione della seconda galleria stradale del San Gottardo. Swissgrid e l'Ufficio federale delle strade (USTRA) hanno individuato il potenziale tecnico sinergico di questi due prodotti e si sono coordinati per tempo. Hanno così elaborato insieme il primo progetto di raggruppamento della Svizzera tra una galleria autostradale nazionale e una linea ad altissima tensione.

Schema galleria del San Gottardo
1/2: Per la messa in cavo della linea ad altissima tensione all'interno della galleria stradale, i cavi saranno fissati al di sotto della corsia di emergenza della carreggiata su apposite mensole porta cavi.
Variante cablaggio
2/2: Interramento di una linea ad altissima tensione in un bauletto in cemento (sinistra) e posa dei cavi su apposite mensole (destra)

Il progetto prevede che sotto la corsia di emergenza della galleria autostradale venga realizzato un canale tecnico (WELK), attraverso il quale sarà posata una linea 220 kV. Un canale tecnico di questo tipo si distingue da un interramento della linea, poiché i cavi non vengono posati in un bauletto in calcestruzzo, bensì fissati su apposite mensole porta cavi. In questo caso sono più facilmente accessibili ai fini dei lavori di manutenzione. Swissgrid garantisce la massima priorità alla sicurezza di questo impianto. Come si osserva nello schema, il canale tecnico WELK è previsto sotto la corsia di emergenza della carreggiata. La linea è quindi protetta da eventuali incendi o eventi analoghi nella galleria. Anche i valori limite delle emissioni come da Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI) vengono rispettati ovunque, anche nei casi in cui gli automobilisti si trovino costretti a lasciare il loro veicolo sulla corsia di emergenza. Un apposito sistema di ventilazione farà defluire il calore generato dal cavo. Questo progetto consente pertanto la realizzazione della linea ad altissima tensione in cavo più lunga della Svizzera, ovvero di 18 km, nel corso del quale Swissgrid potrà acquisire preziose esperienze per i progetti futuri di raggruppamento delle infrastrutture. Inoltre, il paesaggio del San Gottardo ne trarrà beneficio e la linea del San Gottardo sarà così attrezzata al meglio per il futuro.

Video del progetto
Interramento linea 220 kV San Gottardo

Altri progetti di raggruppamento

Il progetto di rete Innertkirchen-Ulrichen, che prevede il rinnovo e l'aumento della tensione sul Passo del Grimsel, è attualmente sottoposto alla procedura del piano settoriale della Confederazione. Swissgrid ha elaborato diverse varianti di corridoio in cui sarà possibile realizzare un tracciato con una determinata tecnologia (linea aerea o cavi interrati). Queste varianti vengono ora discusse da un gruppo di accompagnamento istituito dall'Ufficio federale dell'energia (UFE), che ne sta valutando l'impatto a livello di territorio, ambiente, tecnica e costi. Una delle sottovarianti è la galleria ferroviaria multifunzionali del Grimsel, che sarà utilizzata insieme dalla ferrovia e dalla linea ad altissima tensione.

Esempio di un canale cavi a Vezia (TI)
Esempio di un canale cavi a Vezia (TI)

Raggruppamento delle infrastrutture

Con l'elevato numero di gallerie in Svizzera e l'esigenza crescente dell’interramento delle linee ad altissima tensione, l'idea di raggruppare queste e altre infrastrutture appare ragionevole. Pertanto, il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) sta facendo verificare sistematicamente da maggio 2019 le possibilità di raggruppare le infrastrutture nel corso dei lavori di progettazione. Nel suo studio «Chiarimento di questioni fondamentali per il raggruppamento di elettrodotti con strade nazionali e linee ferroviarie» il DATEC ha indagato i requisiti tecnici, di sicurezza ed esercizio di tali progetti.

Swissgrid si assume la sua responsabilità sociale ed elabora per ciascun progetto di costruzione di una linea ad altissima tensione (i cosiddetti progetti di rete) diverse varianti realizzabili dal punto di vista tecnico a livello di tecnologia e tracciato della linea, che devono essere verificate da un gruppo di accompagnamento. Infine sarà il Consiglio federale a prendere la decisione finale. Swissgrid è consapevole del carattere innovativo e dei vantaggi di un raggruppamento delle infrastrutture e, nell'elaborazione delle varianti. Per ogni progetto di rete il gruppo di accompagnamento decide individualmente se i potenziali sinergici di un raggruppamento di infrastrutture in una valutazione complessiva degli aspetti tecnici, operativi, economici e di progettazione del territorio siano meritevoli di essere considerati.



Autrice

Jacqueline Kalberer
Jacqueline Kalberer

Stakeholder Affairs

Vi piace questo articolo?

Condividere questo articolo


  • | Blog

    In Svizzera scende il buio

    Leggi il articolo
  • | Blog

    Accordo sull'energia elettrica: Cosa succede dopo lo stop alla trattativa con l’UE sull'accordo quadro?

    Leggi il articolo
  • | Blog

    Studio Generale: sfruttare insieme le sinergie

    Leggi il articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.