Progetti di rete Airolo – Lavorgo All'Acqua – Maggia – Magadino

Studio Generale

Sfruttare insieme le sinergie

Autore esterno *: Pietro Jolli


Dopo aver presentato lo Studio Generale e la collaborazione fra Cantone, Swissgrid, Azienda Elettrica Ticinese (AET) e FFS, continua la nostra serie dedicata a questo importante strumento di pianificazione. Nell’intervista che segue Roberto Pronini, Direttore di AET, racconta l’esperienza dello Studio Generale sulle reti ad alta e altissima tensione dal punto dell’azienda.

L’Azienda Elettrica Ticinese (AET) è un’azienda a capitale pubblico di proprietà del Cantone Ticino. Controlla il 40% della produzione idroelettrica ticinese e possiede una rete di trasporto sovraregionale a media e alta tensione che si sviluppa per oltre 400 km. La maggior parte degli impianti di produzione di AET si concentra nell’alto Ticino, lungo il fiume Ticino in valle Leventina. AET è uno dei partner naturali dello Studio Generale sulle reti ad alta tensione, al quale contribuisce con un’esperienza di oltre 60 anni nell’ambito della progettazione, della realizzazione e della manutenzione di impianti di rete a Sud delle Alpi.


Come è nato lo Studio Generale sulle reti ad alta e altissima tensione in Ticino?
Roberto Pronini: Lo studio è nato nel 2013, a seguito dell’acquisizione degli impianti ad altissima tensione cantonali da parte di Swissgrid.

Da anni in Ticino si discuteva del rinnovo dell’elettrodotto tra Airolo e Lavorgo, un tassello indispensabile al completamento della rete 380 kV nazionale e internazionale attraverso il Cantone. L’arrivo sulla scena del gestore nazionale è stato il fattore cruciale che ha finalmente permesso concretizzare il progetto.

Attorno a questa nuova linea si sarebbero dovute riorganizzare gran parte delle reti dell’Alto Ticino, incluse quelle della Valle Maggia, del Locarnese, della Valle Bedretto e dell’Alta Leventina. Il Cantone ha così proposto di riunire tutti gli attori interessati attorno allo stesso tavolo (Swissgrid, il Cantone Ticino, AET e le FFS), al fine di ottimizzare i tracciati sul territorio in una prospettiva a lungo termine.

Ne risulta un progetto più razionale ed efficiente sia dal punto di vista tecnico, sia da quello economico.

Roberto Pronini, Direttore di AET

 
Quali vantaggi comporta la collaborazione tra più partner?
Il fatto di considerare il riordino di un intero comparto di rete assieme a tutti gli attori interessati e di considerarne lo sviluppo sul lungo periodo, permette di ottenere una visione d’insieme più ampia e di identificare soluzioni che altrimenti non potrebbero emergere, riducendo la lunghezza e l’impatto degli elettrodotti sul territorio.

Ne risulta un progetto più razionale ed efficiente sia dal punto di vista tecnico, sia da quello economico. Il confronto tra partner coinvolti in numerose altre attività a livello regionale consente inoltre di attivare importanti sinergie in favore dell’intero progetto.

Nell’Alto Ticino ciò ha significato sviluppare un piano che ha saputo anticipare e integrare molte opere in fase di realizzazione nella regione, dalla nuova Centrale del Ritom al Parco eolico, passando per l’apertura del tunnel di base di AlpTransit e l’avvio dei lavori per il secondo tunnel autostradale.

AET: La via dell'energia
AET: La via dell'energia

Che benefici trae AET dal progetto?
Parallelamente allo Studio Generale, AET ha avviato al suo interno un processo di Pianificazione Strategica della Rete, attraverso il quale sono stati definiti i principali investimenti per il rinnovo della propria infrastruttura livello di rete 3 e livello di rete 5 per i prossimi 30 anni. Questa Pianificazione Strategica ha integrato i risultati dello Studio generale e ha beneficiato dei rapporti instaurati con gli altri partner coinvolti.

Il confronto tra partner inoltre di attivare importanti sinergie in favore dell’intero progetto.

Roberto Pronini, Direttore di AET

 
Grazie alla Pianificazione Strategica è stata razionalizzata la rete ad alta tensione di AET nella regione: riducendola a due soli livelli, accorciandone i tracciati e aumentando nel contempo la sicurezza e la capacità di trasmissione. L’orizzonte temporale di 30 anni ha permesso inoltre di ottenere un elevato risparmio sui costi.

Quali sono gli obiettivi futuri?
Lo Studio Generale verrà esteso a tutto il territorio cantonale. Conclusa la fase dedicata al comparto Alto Ticino Ovest siamo ora al lavoro sulla seconda fase, che interessa la Valle di Blenio, la Bassa Leventina, la Riviera, e il Piano di Magadino. Seguirà poi il Sottoceneri.



Autore esterno *

Pietro Jolli
Pietro Jolli

Responsabile delle comunicazioni
Azienda Elettrica Ticinese (AET)

* Il dialogo è di fondamentale importanza per Swissgrid. Il confronto aiuta infatti a migliorare la comprensione reciproca e ad ampliare le conoscenze. Per questo motivo pubblichiamo sul blog di Swissgrid anche articoli di autori invitati su temi rilevanti. Le opinioni espresse in questi articoli sono quelle degli autori e non quelle di Swissgrid.

Vi piace questo articolo?

Condividere questo articolo


  • | Blog

    Senza interrompere la trasmissione dell'elettricità

    Leggi il articolo
  • | Blog

    Habitat naturale sotto i tralicci della rete ad altissima tensione

    Leggi il articolo
  • Nel cuore dell'Europa
    | Blog

    Sicurezza dell’approvvigionamento: ora servono soluzioni

    Leggi il articolo

Contatto

Appellativo

Si prega di selezionare il appellativo.

Si prega di inserire il vostro nome.

Si prega di inserire il vostro cognome.

Si prega di inserire un indirizzo e-mail valido.

Si prega di inserire il vostro messaggio.

Si prega di spuntare la casella di controllo.